Un aereo passeggeri Sriwijaya Air con a bordo 62 persone ha perso i contatti con i controllori del traffico aereo dopo essere decollato dalla capitale dell’Indonesia. La portavoce del ministero dei Trasporti indonesiano Adita Irawati ha riferito che il Boeing 737-500 è decollato da Giacarta alle 13:56 circa e ha perso il contatto con la torre di controllo alle 14:40. Sul Boeing 737 viaggiavano, oltre ai due piloti, 4 membri dell’equipaggio e 56 passeggeri, tra i quali 3 neonati e 7 bambini.

La compagnia aerea ha affermato che l’aereo percorreva una rotta stimata di 90 minuti da Giacarta a Pontianak, la capitale della provincia del Kalimantan occidentale sull’isola del Borneo in Indonesia

Il sito FlightRadar24 riporta che il Boeing 737-500 ha perso oltre 3mila metri di altitudine in meno di un minuto dopo soli quattro minuti dal decollo da Giakarta, puntando verso il mare. Il velivolo era in servizio da 27 anni.

Il sito specializzato Air Live ha riferito che alcuni rottami sono stati rinvenuti dalla squadra di ricerca e soccorso inviata nelle acque sopra le quali si sono perse le tracce del Boeing. Ari Live mostra in particolare un video dei soccorritori che estraggono dal mare alcuni resti, che al momento non è possibile confermare appartengano al velivolo sparito. A confermare la possibile caduta in mare anche la testimonianza di un pescatore ad alcune tv locali indonesiani, alle quali ha raccontato di aver visto un aereo schiantarsi in mare dopo una picchiata.

Il capitano Eko Surya Hadi, comandante della nave della guardia costiera Trisula, secondo quanto riporta il Global Times, ha riferito che sono stati trovati in acqua rottami del volo e resti umani.

Redazione