Carlo Calenda ha le idee chiare. E non manca occasione per ricordarlo. «Io se non arrivo al ballottaggio appoggerò Gualtieri, ho chiesto a Gualtieri di fare lo stesso ma non lo ha detto, perchè mi sembra ci sia una intenzione nel Pd ad appoggiare Raggi al secondo turno» ma «gli elettori non sono valigie che li sposti da una parte all’altra». Lo ha detto il candidato a sindaco di Roma per Azione Carlo Calenda intervenuto alla trasmissione In Mezz’ora su Rai 3.
MAI CON LA RAGGI

Nel caso in cui arrivasse al ballottaggio e la sindaca uscente del M5s Virginia Raggi ne fosse fuori il candidato sindaco di Roma per Azione Carlo Calenda afferma: «Non chiederei a Virginia Raggi di portarmi i voti venendo a fare il vice, questo non lo farò». Intervenuto alla trasmissione In Mezz’ora su Rai 3 Calenda ha aggiunto: «Con Gualtieri tratterei in modo pragmatico, è una persona seria, non ho problemi personali con lui» ma «non entrerei in un’amministrazione Gualtieri perchè sarebbe controllata sempre da quella stessa classe politica locale».

Franco Pasqualetti