Un treno della Circumvesuviana bloccato per circa 45 minuti all’interno di una galleria, lasciando i passeggeri per buona parte del tempo al buio, è “un disguido che può capitare, non è nulla di particolare”. Parole di Umberto de Gregorio, presidente dell’Eav, la holding regionale che si occupa, tra mille polemiche, del trasporto pubblico. Per il manager si tratta di “un evento di normale disguido che purtroppo può capitare”. Il treno, nonostante le testimonianze dei presenti e alcune foto pubblicate sui social, “non era al buio, nessun panico: tutte balle”.

De Gregorio attacca anche la stampa perché colpevole di “riprendere le notizie da un profilo Facebook (“Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti”) che non è un sito di informazione”. Le parole del manager Eav arrivano a margine della presentazione di tap&go, l’innovativo sistema di pagamento che consente di viaggiare sui trasporti pubblici locali utilizzando la propria carta di pagamento contactless, senza più la necessità di avere con sé il biglietto cartaceo.

L’episodio avvenuto mercoledì 10 novembre- così come comunicato dall’Eav – si è verificato sul treno diretto da Sorrento a Napoli delle ore 14.48,  “ripartito da Meta con 45 minuti di ritardo” mentre ”il treno delle 13.54 da Napoli per Sorrento, è ripartito da Vico Equense con 40 minuti di ritardo”. Un treno affollato soprattutto di studenti in un orario considerato di punta della giornata. Inutili i tentativi dei passeggeri di mettersi in contatto con i numeri di emergenza (112 e 118).

La denuncia è stata pubblicata sulla pagina Facebook “Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti“. “Quella che vedete non è un’immagine tratta da un film horror ma qualcosa di molto peggio. Il Treno Nuovo nel primo pomeriggio è rimasto bloccato per ben 45 minuti nella galleria tra Seiano e Meta, completamente al buio e senza alcun avviso dato ai viaggiatori. Secondo testimonianza di chi era presente, alcuni viaggiatori (tra i quali molti studenti) sono andati totalmente nel panico; c’è chi è svenuto e chi è crollato in un pianto a dirotto. Qualcuno ha provato a contattare i numeri di emergenza (112 e 118) ma i tentativi sono stati vani”.

Nei commenti al post c’è chi prova a sminuire, con scarsi risultati, il disservizio. “Il treno è rimasto effettivamente fermo una quarantina di minuti. Ma è rimasto al buio un paio di minuti, il tempo di staccare le batterie dell’etr di testa e abilitare l’etr di coda. I viaggiatori sono stati preallertati dal capotreno. Poi, abilitando l’ETR di coda è tornato indietro nella stazione di Meta dove sono scesi tutti i viaggiatori, i quali hanno preso il treno successivo. Il personale ha dato l’assistenza necessaria e tutto si è svolto senza nessun incidente”.

Una versione smentita da chi era presente sul convoglio. Scrive Rosalba: “Il vagone in cui viaggiavo io, uno degli ultimi, non ha visto nessuna assistenza necessaria. Abbiamo premuto tutti i pulsanti di emergenza, quelli che funzionavano mettevano solo in attesa. Le luci sono mancate più e più volte. Alcune persone si sono aperti la porta da soli (con l occorrente per l emergenza sulla sinistra ) per mancanza d’aria, dato che il treno nuovo ha quei vetrini che non si aprono sempre a mano, ma con il chiavino. È venuta una persona solo alla fine per controllare che non ne avessero aperte altre, quando il danno erano riparato e ha visto lei stessa le ragazze sedute a terra che piangevano. Nessun annuncio da altoparlante o a voce e una volta arrivati nel nostro vagone ci è stato solo detto: “Abbiamo risolto”.

La precisazione dell’Eav:

In merito alla notizia del treno guasto sulla linea Napoli – Sorrento nella giornata di ieri, 10 novembre, EAV precisa che l’episodio riguarda un’avaria occorsa ad una coppia di Metrostar diretto a Napoli.
Il treno (non nuovo ma con quindici anni di vita) con partenza da Sorrento alle ore 14:48 si è fermato in galleria (dopo Meta) ed è rimasto effettivamente fermo 35 minuti.
La galleria era illuminata ed all’interno il treno è rimasto al buio pochi minuti, il tempo di staccare le batterie dell’elettrotreno di testa e abilitare l’elettrotreno di coda. I viaggiatori sono stati preallertati dal capotreno anche a mezzo interfono.
Il convoglio è retrocesso nella stazione di Meta dove sono scesi tutti i viaggiatori, i quali hanno proseguito il viaggio con il treno successivo in linea con le procedure aziendali previste per il tipo di evento occorso. Il personale ha dato l’assistenza necessaria per il trasbordo e tutto si è svolto senza nessun incidente.
La notizia che i viaggiatori sono rimasti 45 minuti al buio è del tutto falsa, come non risultano scene di panico o dal film horror che una pagina fb che si occupa di satira ha raccontato ed alcuni giornali hanno ripreso.
Purtroppo episodi del genere (restare fermi per molto tempo) possono accadere.
EAV come è noto è impegnata con i nuovi fondi reperiti dal PNRR a rifare ex novo la infrastruttura ed è in attesa dei nuovi treni Stadler già ordinati.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.