Paura sui vagoni della Circumvesuviana di Napoli, tra Boscoreale e Pompei, dove stamattina è scoppiato un incendio che ha costretto i passeggeri a fuggire dal treno e scappare nelle vicine campagne. L’allarme è stato dato da alcuni passeggeri che avevano notato il fumo provenire dalla coda del convoglio. Per fortuna non ci sono stati feriti, nonostante la calca che spingeva per uscire dai vagoni. I passeggeri hanno proseguito a piedi sui binari e hanno raggiunto la stazione più vicina, quella di Pompei, mentre le fiamme venivano spente dal personale Eav e dai vigili del fuoco intervenuti sul posto. La circolazione è stata interrotta tra Torre Annunziata e Scafati ed è stato istituito un servizio su gomma sostitutivo “per limitare i disagi”.

“Con una nota indirizzata al Presidente dell’EAV, Umberto De Gregorio, ho chiesto l’apertura di un’indagine interna per fare luce sulle cause dell’incendio divampato a bordo di una delle carrozze del treno della Circumvesuviana questa mattina all’altezza di Pompei”, ha fatto sapere il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli. “In particolare – ha aggiunto – è necessario conoscere se le fiamme siano partite dall’interno della carrozza oppure da un cortocircuito nei fili dell’alta tensione”.

Tanta la paura tra i passeggeri: “A mia mamma gli avete fatto venire una cosa in quel treno, menomale che è scappata. Chiudetela questa circumvesuviana se nemmeno le manutenzioni potete fare”, accusa un utente, e ancora: “Purtroppo noi cittadini siamo solo delle cavie”.

L’ente che gestisce i convogli ha diramato una nota: “Dalle ore 10:30 la circolazione ferroviaria è interrotta, causa problemi tecnici alla linea aerea, sulla tratta Torre Annunziata – Scafati. I treni in partenza da Napoli per Poggiomarino limiteranno la corsa a Torre Annunziata. I treni in partenza da Poggiomarino limiteranno la corsa a Scafati. A breve sarà istituito un servizio sostitutivo automobilistico. Seguiranno aggiornamenti”.

I carabinieri stanno già effettuando i rilievi sul posto e presto arriverà il parere di una commissione d’inchiesta per capire le cause delle fiamme. Stando alla ricostruzione fornita dall’ufficio stampa dell’Ente autonomo Volturno, il treno ha avuto un “inconveniente tecnico” che ha causato la rottura della linea aerea di contatto e un principio di incendio “nel sottocassa dell’Etr 081 di tesa al convoglio”. Anche il personale di bordo è stato ascoltato. ”Al momento – fanno sapere ancora dall’Ente autonomo Volturno – sono in corso le attività di recupero e di verifica del materiale rotabile coinvolto”.

La flotta attuale delle linee vesuviane è composta potenzialmente da 75 treni, di cui 23 Metrostar costruiti agli inizi degli anni 2000, trenta di costruzione anni 70-80 e dieci realizzati negli anni ’90.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.