Sono 5.724 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore ed emersi dall’analisi di 133.084, quattromila più di ieri, nuovo record quotidiano.

Continuano a crescere dunque i contagi e si avvicinano al picco di fine marzo, pieno lockdown, quando però il numero dei tamponi era decisamente più basso. I morti registrati oggi, sabato 10 ottobre, nel bollettino diffuso dal ministero della Salute sono 29 (ieri 28) per un totale di 36.140.

“Solo per chiarezza: è un dato di fatto che i positivi di oggi stanno in media molto meglio dei positivi di marzo, ma a marzo potevamo fare un tampone solo a quelli che stavano male o malissimo, mentre gli altri, il 95% circa degli infettati, stavano a casa senza poterlo fare” precisa il virologo Massimo Galli. “Per evitare che la situazione sfugga di mano, tocca adottare misure significative. Va ricordato che in Francia, Spagna e UK si attuano già lockdown. Minimizzare dicendo che i malati sono pochi e meno gravi non aiuta, ma causa confusione sugli obiettivi, creando false illusioni” aggiunge.

“Ora i tamponi si fanno per individuare chi può causare nuovi focolai – sottolinea il virolgo, responsabile di Infettivologia dell’ospedale Sacco di Milano -. Nella seconda metà di settembre solo il 30% dei positivi era sintomatico. Sta però sta andando peggio: più infezioni ci sono, più persone fragili vengono raggiunte e più ospedalizzazioni diventano necessarie”.

Dall’inizio della pandemia il totale dei casi registrati è di 349.494, quello dei guariti di 238.525 (+976). Gli attualmente positivi toccano quota 74.829 con un incremento di 4.719 unità.

Negli ospedali la situazione è la seguente: in terapia intensiva ci sono 390 pazienti (+3), i ricoverati con sintomi sono 4.336 (+250) mentre in isolamento domiciliare ci sono 70.103 persone.

La regione che fa registrare più casi è la Lombardia con 1.100 nuovi contagi emersi dall’analisi di 22.910 tamponi. Segue la Campania con 664 positivi (e 9.031 tamponi). Poi Veneto (561 con 14.996 tamponi), Toscana (548 con 11.237 tamponi), Piemonte (499 con 8.588 tamponi). I nuovi contagi sono stati registrati in tutte le regioni italiane.

La regione con il totale degli attualmente positivi più alto è la Lombardia (12.022) seguita da Campania (10.191) e Lazio (9.505).

In terapia intensiva è la regione governata da De Luca ad aver più ricoverati: 63, seguono Lazio (57) e Lombardia (44).

Zaia ai giovani: “C’è chi esce in sedia a rotelle dopo il covid”