Circa 40 milioni di cinesi avevano seguito in tv il suo esordio nella Liga con la maglia dell’Espanyol, la seconda squadra di Barcellona. Wu Lei, 28 anni, considerato il calciatore cinese in attività più forte, è risultato positivo al test da coronavirus. 

L’attaccante al momento si trova in isolamento, presso la sua abitazione nella città catalana, come riferisce l’agenzia di stampa cinese Xinhua. Nel suo paese Wu Lei è un idolo, il giocatore più famoso. Wu Lei è stato acquistato dalla società spagnola nel gennaio 2019. È stato anche il primo calciatore cinese a marcare una rete nella Liga Spagnola, contro il Valladolid. A rendere nota la sua positività al tampone la federcalcio cinese. “Wu Lei ha sintomi lievi ed è attualmente in cura – ha scritto in una nota ufficiale la Chinese Football Association – La Federcalcio cinese ha mantenuto strette comunicazioni con l’Espanyol e fornirà tutta l’assistenza necessaria a seconda del caso. Contiamo che possa recuperare presto”.

Per il terzo giorno di fila non si registrano casi di positività al coronavirus in Cina. Adesso il problema di Pechino è quello dei rientri nel Paese.