Inghilterra sotto shock per l’omicidio del deputato del Partito conservatore David Amess. Il 69enne membro dei Tories è stato accoltellato più volte mentre era all’interno di una chiesa metodista di Leigh-on-Sea, nell’Essex, sud-est dell’Inghilterra, impegnato in un incontro con i suoi elettori , una cosiddetta “constituency surgery”.

La polizia locale ha già riferito di aver arrestato un uomo, fermato nell’immediatezza dei fatti, con l’aggressione avvenuta intorno a mezzogiorno. Per ora non è chiaro se si sia trattato del gesto di uno squilibrato o se l’uomo, di cui non è stata resa nota l’identità ma solo l’età, 25 anni,, è stato animato da qualche movente specifico. Anche per questo nelle indagini sull’omicidio è coinvolta la polizia antiterrorismo, come riferisce il Guardian, anche se l’inchiesta al momento continua ad essere condotta dalle forze di polizia dell’Essex: una prassi, quella del coinvolgimento dell’antiterrorismo, almeno fino a quando non emergerà un movente estraneo a fatti di terrorismo.

Amess, come comunicato dalla polizia locale, è morto per le ferite riportate nell’aggressione: “Quando siamo intervenuti lo abbiamo trovato ferito. E’ stato curato sai servizi di emergenza, ma purtroppo è morto sul luogo”, ha detto la polizia. Per tentare di salvare il deputato dei Tory è intervenuto anche l’elisoccorso ma le cure ricevute sul posto si sono rivelate inutili: le numerose coltellate inferte sono state fatali.

Il deputato conservatore è entrato nel Parlamento britannico nel 1983 e rappresenta il collegio elettorale di Southend West dal 1997. Veterano della politica e del Parlamento, pur non avendo mai avuto ruoli di governo, Amess è stato protagonista della campagna pro Brexit e autore di campagne anti-aborto e animaliste.

La polizia dell’Essex ha anche specificato che al momento “non sta cercando nessun altro” per l’aggressione ai danni di Amess. ”Siamo stati chiamati per un accoltellamento a Eastwood Roadd North poco dopo le 12:05. Un uomo è stato arrestato poco dopo e non stiamo cercando nessun altro. Forniremo maggiori informazioni quando le avremo”, si legge nella nota della polizia. L’arma è stato recuperata nei pressi della chiesa.

Il premier britannico Boris Johnson, che si trovava a Bristol al momento dell’attacco mortale ai danni di Amess, è rientrato subito a Londra dove ha presieduto una riunione di governo.

In un attacco analogo e compiuto da un estremista di destra, nel 2016, fu uccisa la deputata laburista Jo Cox. L’esponente del Labour venne uccisa il 15 giugno di cinque anni da Thomas Miar, arrestato dalla polizia poco dopo l’omicidio: Cox venne aggredita in strada al termine di un incontro elettorale, col 52enne estremista che le sparò e la ferì ripetutamente con un coltello.

Proprio la fondazione in memoria della parlamentare, la Jo Cox Foundation, ha espresso la sua vicinanza al parlamentare conservatore David Amess e “alla sua famiglia e a tutti i suoi cari in questo momento così difficile”. “Siamo inorriditi dalla notizia dell’attacco”, si legge sull’account Twitter della Fondazione.

Con Amess sono tre i deputati britannici accoltellati negli ultimi 10 anni: oltre al parlamentare conservatore e al tragico caso di Jo Cox, nel 2010 toccò anche al laburista laburista Stephen Timms, rimasto ferito con due pugnalate. Nel 2000, ormai 21 anni fa, un assistente del deputato liberal liberaldemocratico Nigel Jones venne ucciso nel tentati di frapporsi tra un accoltellatore e il parlamentare, nel tentativo di salvarlo dall’aggressione.

Siamo tutti profondamente scioccati e addolorati“, ha detto il primo ministro britannico Boris Johnson, che ha definito David Amess “una delle persone più gentili e cordiali in politica”. “David era un uomo che credeva con passione in questo Paese e nel suo futuro – ha aggiunto Johnson -. Oggi abbiamo perso un grande funzionario pubblico e un amico e collega molto amato”.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.