Momenti di panico si sono vissuti la scorsa notte sull’ex lungomare liberato di Napoli voluto dal sindaco Luigi de Magistris, riaperto per necessità da diversi mesi a causa della scellerata chiusura (da un anno) della Galleria Vittoria.

Un uomo alla guida di un’auto, 36enne di nazionalità slovena (già noto agli archivi delle forze dell’ordine), si è reso protagonista di un folle inseguimento dopo aver prima danneggiato le auto di due tassisti in piazza Trieste e Trento, poi ha imboccato diverse strade contromano, ignorando l’alt della polizia e impattando contro alcune volanti.

In quei frangenti, un equipaggio della Questura di Napoli in servizio per il controllo della “movida” cittadina è intervenuto posizionando l’auto di servizio davanti al veicolo dell’uomo che ha accelerato la marcia speronandoli.

L’insensata corsa del 36enne, si è conclusa in via Partenope, sul lungomare di Napoli, quando dopo aver impattato contro una volante del Commissariato San Ferdinando, è stato finalmente bloccato.
L’uomo è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e denunciato per danneggiamento aggravato di beni della Pubblica Amministrazione. In corso gli accertamenti della polizia municipale che hanno sottoposto il conducente ai test alcolemici e tossicologici.

Redazione