L’Italia è uno dei paesi a più alto rischio idrogeologico al Mondo. Lo testimoniano anche gli utili eventi che hanno riempito le pagine dei giornali come il caso del crollo del tratto sull’a6. Danni che per la La Società Geologica Italiana potevano essere molto minori o nulli se si fosse tenuto presente delle conoscenze dei geologi. Il Paese è flagellato da perturbazioni atmosferiche che si susseguono – si legge nella nota della Società Geologica Italiana – e che ancora una volta impattano su un territorio geologicamente fragile, ma anche continuamente usurpato dall’uomo che continua a non avere alcun rispetto per esso”.

“Danni ingenti, feriti, vittime di una politica scellerata del territorio offeso quotidianamente dall’incuria e dall’uso improprio – continuano i geologi –  È in questo scenario di terribile emergenza, a cui non si riesce porre freno, che si colloca quanto accaduto al viadotto Madonna del Monte di Savona. Una scarsa se non assente manutenzione ordinaria insieme ad una estrema fragilità geologica del territorio rappresentano un mix esplosivo che fa da detonatore a questi episodi di tragica attualità”.

Gli esperti spiegano cosa è avvenuto in quel tratto di autostrada: “Tecnicamente quanto accaduto a Madonna del Monte è ascrivibile a quella tipologia di frane definita scientificamente come colate rapide, le quali sono tra le più pericolose e distruttive tipologie di frana. Il loro innesco è legato principalmente a piogge estremamente intense. La zona di scarpata è solitamente caratterizzata da uno scivolamento superficiale causato dallo sforzo di taglio esercitato in superficie dalle acque di ruscellamento superficiale. A valle dell’area di distacco, il materiale si destruttura e fluisce sostenuto dall’acqua incanalandosi lungo gli impluvi. Quando perde energia, il flusso si arresta e il materiale si deposita costituendo morfologie ‘a ventaglio’ più o meno allungate”.

“Il movimento all’interno della zona di transito può essere considerato uniforme – continua la nota –  anche se le velocità più importanti si registrano nella porzione centrale del canale di deflusso, mentre sono più basse verso i bordi. Nella letteratura scientifica è stato mostrato che esiste una relazione tra la probabilità che un versante sia interessato dall’innesco di una colata rapida e la sua pendenza locale e la superficie drenata a monte dell’area di distacco. Aree molto acclivi, caratterizzate da bacini che concentrano il deflusso in aree ristrette, sono morfologie tipicamente propense allo sviluppo di questa tipologia di dissesto. Grazie a queste relazioni empiriche note è possibile costruire dei modelli statistici che consentono di stimare, con le relative incertezze, la probabilità di occorrenza spaziale di tali fenomeni”.

In Italia questa tipologia di frana è molto diffusa ed è responsabile di danni importanti a strutture e infrastrutture, ma soprattutto responsabile della possibile perdita di vite umane. “Dopo l’ennesima tragedia, fortunatamente questa volta sfiorata, è giunta l’ora di voltare pagina  – denunciano i geologi – ed incamminarsi senza indugio lungo la strada della prevenzione e cercare, per quanto possibile, di rimediare ai tanti errori commessi nell’uso e gestione del territorio, in molti casi trascurando le competenze del geologo, capace di interpretare e valutare le situazioni di pericolo geologicodeclinandole nella valutazionee mitigazione dei rischi naturali”.

LEGGI ANCHE – Carta geologica ferma da 20 anni. “Zone sismiche ancora sconosciute”

“Per far ciò sarebbe parimenti necessario avere una cartografia geologica ufficiale completa e aggiornata – continua la nota dei geologi. Al contrario il nostro Paese ancora attende che sia terminata la cartografia geologica ufficiale del suo territorio (Progetto Carta Geologica –CarG), iniziata nel 1987, e realizzata per poco più della metà, e da circa un ventennio priva di finanziamenti“. La Carta Geologica ufficiale (CarG) del nostro Paese è lo strumento primario e necessario per poter intraprendere azioni efficaci di salvaguardia e messa in sicurezza del territorio da pericoli naturali come frane, alluvioni, terremoti ed eruzioni vulcaniche, che ove siano esposti beni e vite umane si trasformano in veri e propri rischi naturali”.

LEGGI ANCHE – App GeoRisk, il rischio geologico a portata di clik

Sono anni che la Società Geologica Italiana alza la voce per denunciare tutto ciò, cercando di sensibilizzare politici, amministratori e opinione pubblica su di un tema che sempre di più diventa scottante. I cambiamenti climatici riportano sempre più ricorrentemente ai drammi che l’Italia vive in queste ore, ma purtroppo nessun insegnamento è tratto da questi avvenimenti che impattano quotidianamente sulla nostra vita. “Bisogna finalmente iniziare un percorso virtuoso che miri a un uso attento e rispettoso del territorio in cui viviamo e che si concretizzi con una vera prevenzione sia attraverso la messa a disposizione di strumenti idonei, la carta geologica in primis, ma anche con una appropriata educazione geologica e ambientale. Conoscere il funzionamento del nostro pianeta ci permette di individuare e capire dove e quando si possono verificare fenomeni naturali potenzialmente pericolosi ma che non necessariamente si trasformano in disastri, se il rischio viene gestito in modo consapevole. Per questo si dovrebbe iniziare a pensare a introdurre nelle scuole di ogni ordine e grado le Geoscienze per formare i cittadini di domani consapevoli del proprio territorio e dei pericoli connessi”, concludono i geologi.