Una ragazza si è tolta la vita all’interno del Teatro Bellini di Napoli. Era un’allieva della “Bellini Factory”, l’accademia professionale triennale per aspiranti attori.

“L’allieva ha deciso con un atto estremo di risolvere il dramma che stava vivendo”, scrive la Direzione del teatro partenopeo, che ha confermato la dinamica dei fatti, avvenuti ieri sera.

La vittima è una giovane attrice 22enne. È morta per soffocamento: le forze dell’ordine, giunte sul posto, l’hanno trovata impiccata. Tutti i tentativi di rianimazione da parte del 118 si sono rivelati inutili.

“Questa tragedia – sottolinea la Direzione del Teatro Bellini – ci sconvolge nel profondo e impone il più rigoroso riserbo sulla vicenda”.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica e gli spostamenti della 22enne prima del decesso: le telecamere di sorveglianza potrebbero essere d’aiuto.

La giovane, riferiscono alcune fonti, avrebbe già tentato nei giorni scorsi il suicidio, ingerendo un grande quantitativo di farmaci.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.