Dopo 15 anni e 350 episodi Justin Chambers non interpreterà più il dottor Alex Karev. La decisione è arrivata come una vera e propria doccia fredda per i fan di Grey’s Anatomy, che si aspettavano di rivederlo il 26 gennaio a ritorno dal puntuale final season di novembre quando era uscito di scena per andare a trovare sua madre malata. Grey’s Anatomy non è soltanto una serie televisiva, ma una vera e propria istituzione. Iniziata nel 2005, è arrivata al 2020 con la sedicesima stagione posizionandosi tra le serie più longeve nella storia della televisione. Il medical drama prodotto dall’emittente americana ABC è arrivato ormai ad espandersi come fenomeno globale attraverso cui viene raccontato il difficile mondo della chirurgia. Grazie alla sua celebre ascesa, l’ideatrice e sceneggiatrice Shonda Rhimes si è aggiudicata il ruolo di regina delle serie tv. Anche se ormai da un po’ di anni e stagioni la regia è affidata alla showrunner Krista Vernoff.

In tutti questi lunghi anni i fan della serie si sono abituati all’addio di protagonisti molto amati come Patrick Dempsey, che interpretava il neurochirurgo Derek Shepherd, l’attrice Sandra Oh, nel ruolo della dottoressa Cristina Yang e Katherine Heigl nelle vesti di Izzie Stevens, solo per citarne alcuni. Ora l’addio del dottor Lucifero ha dato modo ai telespettatori di dubitare della fedeltà alla serie. La notizia dell’addio a Grey’s Anatomy ha scatenato, infatti, non soltanto commozione e dispiacere ma anche molte polemiche. Tra tutte l’annuncio così repentino e improvviso dell’attore che non rivedrà la sua scesa in campo neanche per una degna uscita di scena. La preoccupazione maggiore è per la sua storyline con la moglie Jo, interpretata da Camilla Luddington. Ma anche perché in questo modo la sua migliore amica, la protagonista Meredith Grey interpretata da Ellen Pompeo, si ritroverebbe ancora una volta senza la sua persona.

L’attore ha reso nota la scelta attraverso un comunicato in cui ha scritto: “Non c’è un momento giusto per dire addio ad uno show e ad un personaggio che hanno segnato così tanto la mia vita negli ultimi 15 anni. È da un po’ che speravo di diversificare i miei ruoli e le mie scelte lavorative e adesso che ho 50 anni e ho la fortuna di poter contare su una meravigliosa e splendida moglie e 5 meravigliosi figli, penso sia il momento giusto. E visto che sto lasciando Grey’s Anatomy voglio ringraziare tutta la famiglia della ABC, Shonda Rhimes, i membri originali del cast: Ellen Pompeo, Chandra Wilson e James Pickens Jr. e il resto dei meravigliosi colleghi sia passati che presenti e ovviamente tutti i fan di questo meraviglioso viaggio insieme”. Questo testimonierebbe che della squadra iniziale rimangono soltantoChandra Wilson,James Pickens Jr. ed Ellen Pompeo.

Nelle ultime ore stanno circolando delle voci che sembrerebbero avere un fondo di verità. Secondo quanto dichiarato da una fonte al sito PageSix, l’attore avrebbe deciso di soggiornare al Privé-Swiss, in Connecticut, famoso per essere un centro di salute mentale in cui sono state curate altre celebrità. Questo giustificherebbe la scelta di Chambers di lasciare lo show, per superare alcuni problemi legati alla sua salute mentale.

Alex Karev è stato senza dubbio il personaggio che dall’inizio della serie ad oggi ha subito il cambiamento più grande. Da dottor Lucifero è passato ad essere una delle figure più amate e rispettate all’interno del medical drama. Di certo il suo abbandono segnerà il destino di molti telespettatori che decideranno forse di non proseguire nella visione della serie, visto che è stata confermata anche per la 17esima stagione. Fatto sta che Grey’s Anatomy è un turbinio di emozioni che fa piangere, ridere, commuovere, riflettere e affronta tematiche importanti che spingono tante persone ad avere coraggio delle proprie idee e delle proprie scelte. Anche se spesso molte decisioni non vengono comprese e colgono impreparati l’altro, come in questo caso. Ma qualcosa che si ama è difficile da abbandonare, anche se non siamo d’accordo.

Redazione