La Moskva è la nave che fu mandata “al diavolo” dai soldati ucraini dell’isola dei Serpenti. E da giorni è al centro dell’attenzione perché è in fiamme da mercoledì. Kiev ha rivendicato di averlo colpito, Mosca invece ha parlato di un’incidente. In ogni caso il fatto smonta il prestigio della marina russa che perde la sua nave ammiraglia nelle acque di Odessa. L’incrociatore missilistico russo Moskva “ha perso stabilità ed è affondato mentre veniva rimorchiato durante una tempesta”. Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo, confermando ufficialmente l’affondamento della nave ammiraglia della flotta russa.

L’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, l’incrociatore missilistico Moskva, è affondata dopo essere stata gravemente danneggiata nell’ultima battuta d’arresto per l’invasione di Mosca. Funzionari ucraini hanno affermato che le loro forze hanno colpito la nave con dei missili, mentre la Russia ha parlato prima di un incendio a bordo della Moskva e poi di un incidente mentre la nave veniva trainata in porto durante una tempesta, ma non di un attacco. Funzionari degli Stati Uniti e di altri Paesi occidentali non hanno potuto confermare che cosa abbia causato l’incendio. La perdita della nave da guerra intitolata alla capitale russa è una devastante sconfitta simbolica per Mosca mentre le sue truppe si riorganizzano per una rinnovata offensiva nell’Ucraina orientale dopo la ritirata da gran parte del nord, compresa la capitale Kiev.

Nel suo video messaggio notturno alla nazione, il presidente Volodymyr Zelensky ha alluso all’affondamento dicendo agli ucraini che dovrebbero essere orgogliosi di essere sopravvissuti per 50 giorni sotto attacco quando i russi “ci avevano dato un massimo di cinque giorni”. Elencando i molti modi in cui l’Ucraina si è difesa contro l’invasione, Zelensky ha menzionato “coloro che hanno dimostrato che le navi da guerra russe possono salpare, anche se sono sul fondo” del mare. Questo è stato il suo unico riferimento all’incrociatore missilistico Moskva. Il ministero della Difesa russo ha affermato che la nave è affondata durante una tempesta mentre veniva rimorchiata in un porto. La Russia in precedenza aveva affermato che le fiamme sulla nave, che ha un equipaggo di 500 marinai a bordo, hanno costretto l’intero personale ad evacuare. Più tardi ha detto che l’incendio era stato contenuto.

La Moskva aveva la capacità di trasportare 16 missili cruiser a lunga gittata e il suo affondamento riduce la potenza di fuoco della Russia nel Mar Nero. È anche un duro colpo al prestigio di Mosca. Giunta alla sua ottava settimana, l’invasione si è bloccata tra la resistenza dei combattenti ucraini sostenuti da armi e altri aiuti inviati dalle nazioni occidentali. Secondo quanto riferito, durante i primi giorni di guerra, la Moskva era la nave che invitò i soldati ucraini di stanza a Snake Island nel Mar Nero ad arrendersi in una situazione di stallo. In una registrazione ampiamente diffusa, un soldato ha risposto: “Nave da guerra russa, vai (imprecazione) tu stesso”. L’Associated Press non ha potuto verificare in modo indipendente l’incidente, ma l’Ucraina ei suoi sostenitori lo considerano un iconico momento di sfida. Il paese ha recentemente svelato un francobollo che lo commemora.

La notizia dell’affondamento dell’ammiraglia della flotta russa ha oscurato le affermazioni russe di avanzamenti nella città portuale meridionale di Mariupol, dove le forze di Mosca hanno combattuto gli ucraini sin dai primi giorni dell’invasione in alcuni dei combattimenti più pesanti della guerra, a un costo terribile per i civili. La cattura di Mariupol è fondamentale per la Russia. Il portavoce del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha dichiarato mercoledì che 1.026 soldati ucraini si sono arresi in una fabbrica di metalli della città. Ma Vadym Denysenko, consigliere del ministro degli interni ucraino, ha respinto l’affermazione, dicendo a Current Time TV che “la battaglia per il porto è ancora in corso oggi”. Non era chiaro quante forze stessero ancora difendendo Mariupol.

l filmato della trasmissione della televisione di stato russa che si diceva provenisse da Mariupol che mostrava dozzine di uomini in mimetica che camminavano con le mani alzate e ne trasportavano altri sulle barelle. Un uomo teneva una bandiera bianca. Mariupol è stata teatro di alcune delle peggiori sofferenze della guerra. Un numero in diminuzione di difensori ucraini resiste a un assedio che ha intrappolato oltre 100.000 civili in un disperato bisogno di cibo, acqua e riscaldamento. David Beasley, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha detto ad AP in un’intervista giovedì che le persone vengono “morite di fame” nella città assediata. Il sindaco di Mariupol ha detto questa settimana che più di 10.000 civili sono morti e il bilancio delle vittime potrebbe superare i 20.000, dopo che settimane di attacchi e privazioni hanno lasciato i corpi “tappezzati per le strade”.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.