Papa Francesco invita tutti a fare il vaccino: un’opzione etica, l’ha descritto in un’intervista al Tg5 che andrà in onda domani sera. Fare il vaccino quindi è “un’opzione etica perché tu ti giochi la salute, la vita, ma ti giochi anche la vita di altri”. Le vaccinazioni al Vaticano cominceranno la settimana prossima. Quindi il Santo Padre potrebbe ricevere il farmaco sviluppato da Pfizer e BioNTech molto presto.

Il Santo Padre ha fatto sapere di essersi “prenotato” in attesa del suo turno. E quindi ricorda, tornando alla sua infanzia, la piaga della poliomielite. “Tanti bambini sono poi rimasti paralitici per questo e c’era la disperazione per fare il vaccino. Quando è uscito il vaccino te lo davano con lo zucchero…”. La sua generazione, ha continuato, è “cresciuta all’ombra dei vaccini, per il morbillo, per quello, per quell’altro…”.

L’auspicio del Pontefice che tutti si affidino alla scienza. “Se te lo presentano i medici come una cosa che può andare bene, che non ha dei pericoli speciali, perché non prenderlo?”. Papa Francesco ha quindi descritto il “negazionismo suicida” che “non saprei spiegare”. Una sensazione di sconcerto più che un attacco. “Non so perché qualcuno dica che il vaccino è pericoloso ma oggi si deve fare”.

Bergoglio, le cui foto nel centro di Roma o in una Piazza San Pietro in Vaticano deserta, a causa del covid-19 ha dovuto dire addio a Fabrizio Soccorsi, scelto come suo medico personale nel 2015. Il 78enne, ha reso noto l’Osservatore Romano, quotidiano dalla Santa Sede, era ricoverato al Gemelli per una patologia oncologica, ma il decesso è avvenuto a seguito di complicazioni dovute al covid-19.