“Vado avanti, mi ricandido”. Queste le parole di Virginia Raggi, sindaca di Roma, secondo quanto si apprende, durante una videoconferenza con i consiglieri della maggioranza in Capidoglio. La prima cittadina tenta il bis al Campidoglio e scioglie le riserve.

“Virginia Raggi ci ha detto che correrà nuovamente per fare la Sindaca di Roma” ha annunciato su Facebook il consigliere del Movimento 5 Stelle Paolo Ferrara. “‘Non ci sto ad apparecchiare la tavola per far mangiare quelli di prima. Sono convinta che dobbiamo andare avanti’: Le sue parole sono verità” ha aggiunto.

La ricandidatura dell’avvocato romano dovrà ora passare per il voto sulla piattaforma di Rousseau. Secondo lo statuto pentastellato infatti per la Raggi non sarebbe consentito il terzo mandato, dopo aver ricoperto il ruolo di consigliera all’opposizione quando era sindaco Ignazio Marino e poi come guida del Campidoglio. Per questo la consultazione online sarebbe stata avanzata dai vertici, aprendo – in caso di ok dai militanti – la strada anche per un ritorno in Parlamento di Di Maio e Fico.

“Oggi Virginia Raggi ha annunciato che si ricandiderà come sindaco di Roma. I giochi di palazzo e le alchimie vecchia maniera non ci appartengono e mai ci apparterranno. Siamo fedeli amanti di chiarezza e trasparenza: per questo la Sindaca comunica la sua volontà senza tanti fronzoli e giochi di parole”. Lo scrive su Facebook l’assessore capitolino al Personale, Antonio De Santis. “Ora gli altri potranno proseguire con tentativi di inciucio e manovre maldestre. Noi, invece, siamo determinati a proseguire nel nostro percorso lineare, distante anni luce da qualsiasi portatore di interesse. A differenza degli altri non abbiamo mai dovuto rendere conto a nessuno, se non ai cittadini. La prima fase è stata dedicata al risanamento e alla rimessa in moto della macchina. Ora puntiamo ad accelerare con forza: avere le mani libere, sempre, è un valore aggiunto senza eguali”.

PD E ITALIA VIVA CONTRO – L’annuncio non viene preso bene dagli alleati di governo. “Apprendiamo che Virginia Raggi si ricandida a governare (male) Roma – scrive su Twitter Ettore Rosato presidente di Iv – Ne prendiamo atto, chiaro che Italia viva sarà da un’altra parte. Questa città ha bisogno di autorevolezza, visione, efficienza e trasparenza, tutto quello che non si è visto negli ultimi anni”. Bocciatura sonora anche dal Pd che con Andrea Orlando prende le distanze dalla candidata pentastellata alla guida della città eterna: “La Raggi ha annunciato la sua ricandidatura promuovendo il suo operato. Nulla di personale ma noi diamo un altro giudizio. Roma merita di più e qualcosa di molto diverso da questi questi anni. Per questo il Pd lavora per costruire un progetto alternativo”. E’ sarcastico invece Filippo Sensi, deputato del Pd, che cinguetta: “Ma quindi gli autobus a fuoco erano gli effetti speciali per l’annuncio della lieta novella?”. L’ex portavoce di Matteo Renzi infatti fa riferimento ai tre mezzi Atac che oggi sono andati in fiamme in tre diverse strade della capitale, fortunatamente senza feriti. Il Pd romano, per bocca di Giulio Pelonzi, non usa mezze parole: “Pessima notizia. #Raggi si candida di nuovo a sindaco. Liberiamo #Roma da questo incubo. Al lavoro per evitare a Roma altri 5 anni di nulla #maancheno”. Bocciata anche dalle opposizioni la ricandidatura: “Grillini bugiardi su limite ai mandati. Lei patetica non andrà al ballottaggio e Roma la boccerà severamente #fallita”, sentenzia il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri. Stesso mood dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni: “Oggi va in frantumi anche la regola dei due mandati del M5S, che da ‘movimento dei cittadini’ diventa il partito dei nuovi politicanti. La ricandidatura di Virginia Raggi a sindaco però è un’ottima notizia: i romani potranno dire con il loro voto come giudicano il lavoro di questa amministrazione grillina. Finalmente…”.