Contromano e senza casco, viaggiava a velocità sostenuta prima dello schianto contro un paletto dopo aver cercato di evitare uno scooter che si stava immettendo regolarmente in strada. E’ morto così Emanuele Svolazzo, giovane che avrebbe compiuto 22 anni tra pochi mesi, in seguito al gravissimo incidente avvenuto poco dopo le 19 di lunedì 30 maggio in via Manzoni a Giugliano, popoloso comune a nord di Napoli.

Secondo la ricostruzione della polizia municipale intervenuta per i rilievi, Emanuele sfrecciava per le strade della cittadina su un Honda Sh di colore nero (risultato senza assicurazione né revisione secondo quanto riferisce TeleclubItalia). Insieme a lui, su un altro motorino, un coetaneo coinvolto nell’incidente e ricoverato in ospedale in condizioni critiche. Per il 21enne non c’è stato nulla da fare: nonostante i tentativi di soccorso e il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale San Giuliano di Giugliano, troppo gravi sono risultate le ferite riportate, soprattutto all’addome, in seguito al violento impatto.

Dolore e sgomento nel comune napoletano che piange la prematura scomparsa di un giovane ragazzo. Una tragedia che riaccende il dibattito, anche a Napoli e nel resto della Provincia, sulla sicurezza stradale e sull’utilizzo del casco protettivo. Sono diversi infatti gli incidenti, anche mortali, che hanno visto protagonisti negli ultimi mesi persone che continuano a girare per le strade cittadini senza indossare il casco.

Redazione