Ha perso il controllo della moto probabilmente in seguito a un malore ed è deceduto dopo dieci giorni all’ospedale Cardarelli di Napoli dove era ricoverato in Rianimazione. Pianura piange Fabio De Vita, 36 anni, soprannominato ‘o Lione. Il suo cuore ha smesso di battere nelle prime ore di martedì 25 gennaio. L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio dello scorso 16 gennaio in via Padula, nel quartiere flegreo. Fabio era alla guida della sua moto di grossa cilindrata quando per cause in corso di accertamento ha perso il controllo ed è caduto sul manto stradale.

Un impatto violentissimo. Soccorso e trasportato dal 118 all’ospedale Cardarelli, le sue condizioni sono apparse sin da subito gravi. Ha lottato con tutte le sue forze ma non ce l’ha fatta. Sarà ora l’autopsia, disposta dal magistrato di turno, a chiarire le cause del decesso: se è avvenuto in seguito al malore accusato o ai gravi traumi riportati dopo la caduta dovuta, secondo la ricostruzione dei caschi bianchi, alla velocità sostenuta con la quale procedeva. Poi la salma sarà restituita alla famiglia ed entro la fine della settimana verranno svolti i funerali. Le indagini sono affidate alla sezione Infortunistica stradale della polizia municipale di Napoli, guidata dal capitano Antonio Muriano. Non è ancora chiaro se l’uomo indossasse o meno il casco protettivo.

Al vaglio anche le telecamere presenti nella zona per far luce su quanto accaduto. Dalla prima visione si vede, tuttavia, solo la parte finale dell’incidente che non ha visto il coinvolgimento di altri veicoli. Fabio purtroppo è la prima vittima della strada del 2022 a Napoli. In queste ore sono numerosi i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla moglie Carmela e tutta la famiglia da parte di amici e conoscenti.

Un intero quartiere è sotto choc, sconvolto dalla prematura scomparsa di un ragazzo molto conosciuto a Pianura. In questi dieci giorni, dove il 36enne era in coma, sono state numerose le preghiere e gli appelli sui social affinché le condizioni di salute migliorassero. La scorsa notte il drammatico epilogo che ha lasciato tutti senza parole.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.