Cheslie Kryst soffriva di depressione da alcuni anni. Era stata eletta Miss America nel 2019, laureata in Legge con master presso la Wake Forest University, avvocatessa nel North Carolina prima di calcare le passerelle dei concorsi di bellezza. È morta, a 30 anni. Si è lanciata dal tetto del palazzo di Manhattan, New York, dove viveva. “Possa questo giorno portarti riposo e pace”, l’ultimo post apparso su Instagram poche ore prima della morte.

Kryst ha lasciato scritto in un biglietto ritrovato nel suo appartamento di voler lasciare tutti i suoi beni alla madre. Nessuna spiegazione del gesto estremo. Era stato con la vittoria della corona di Miss America che la 30enne aveva conosciuto le luci della ribalta. Si impegnava pro bono a fianco di detenuti incarcerati ingiustamente. La tragedia si è consumata ieri mattina. La polizia ha riferito di indagini in corso ma ritiene si tratti di suicidio.

“La sua grande luce ha ispirato molte persone in tutto il mondo con la sua bellezza e la sua forza … Incarnava l’amore e serviva gli altri, come avvocato, come Miss Usa o come conduttrice di EXTRA (newsmagazine americano distribuito da Warner Bros, ndr), ma soprattutto come figlia, sorella, mentore o collega. Sappiamo che il suo insegnamento sopravviverà”, il comunicato della famiglia diffuso dalla Bbc. Dal 2020 Kryst era infatti passata alla televisione nel ruolo di conduttrice.

Anche la redazione di EXTRA ha dedicato una nota alla conduttrice: “I nostri cuori sono spezzati. Cheslie non era solo una parte vitale del nostro programma, ma anche una parte della nostra famiglia televisiva. Le nostre più sentite condoglianze a tutta la sua famiglia e ai suoi amici”. Gli organizzatori di Miss Universo e Miss America l’hanno ricordata come “era una delle persone più brillanti, cordiali e gentili che abbiamo mai avuto il privilegio di conoscere, e ha illuminato ogni stanza in cui è entrata”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cheslie Kryst, JD, MBA (@chesliekryst)

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.