Un trionfo, ben oltre le più rosee aspettative. Secondo il sondaggio realizzato da Winpoll-Arcadia e pubblicato oggi da Sole 24 Ore, a due mesi e mezzo dal voto alle Regionali in Campania il governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca dovrebbe contare su un vantaggio abissale sui rivali Stefano Caldoro e Valeria Ciarambino.

De Luca otterrebbe secondo Winpoll-Arcadia il 65,4%, il candidato del centrodestra Stefano Caldoro il 21,9%, ferma al 10,9% la grillina Valeria Ciarambino. Non solo. Dalle rilevazioni emerge chiaramente la capacità dell’ex sindaco di Salerno di attrarre il voto anche da ambienti non tradizionalmente legati al centrosinistra: la coalizione a sostegno di De Luca può contare infatti sul 45,1%, con uno scarto tra il voto alle liste e il voto al candidato di ben 20 punti (in Campania gli elettori possono esprimere un voto disgiunto). Inoltre all’interno della coalizione le liste legate a De Luca sono stimate al 19,8%, mentre i partiti ‘tradizionali’ di centrosinistra non arrivano a superare quota 25%.

Quanto alle intenzioni di voto sui singoli partiti, il Movimento 5 Stelle sarebbe il primo partito in Campania col 21,7% dei consensi, seguito dal Pd al 21,3%. Non sfonda invece la Lega, al 10,7%, leggermente sopra Fratelli d’Italia al 10,5%. Lontani i fasti di un tempo per Forza Italia, all’8,2%, mentre Italia Viva di Matteo Renzi viene stimata sotto l’un per cento.

Il sondaggio Winpoll-Arcadia certifica inoltre come la gestione dell’emergenza Covid-19 abbia fatto “bene” a Vincenzo De Luca: i giudizi positivi sul suo operato sono passati dal 42% del sondaggio Winpoll-Arcadia dello scorso dicembre al 75% di oggi.