Dopo il down che ha interessato Google lunedì scorso, e quindi diverse sue funzionalità, stamattina è il turno di Spotify. Molti utenti da tutto il mondo hanno fatto sapere all’azienda di un malfunzionamento della piattaforma di streaming musicale. L’azienda ha scritto sul profilo Twitter SpotifyCare che “Al momento siamo a conoscenza di alcuni problemi e li stiamo verificando!” Vi terremo aggiornati”. Su Twitter è partito rapidamente l’hashtag #spotifydown.

Già lo scorso 27 novembre la piattaforma aveva subito un altro down. Un’inattività durata circa un’ora e poi risolta in breve tempo. Un altro episodio analogo si era verificato lo scorso agosto. In quel caso, secondo la piattaforma, una problematica causata con la connessione a Internet che non permetteva la riproduzione in streaming della musica. Stamattina le segnalazioni, a migliaia, sono arrivate da tutto il mondo. La maggior parte dall’Europa, dall’Asia, dagli Usa e dall’Australia. Un malfunzionamento su scala globale, come descritto anche da Downdetector.com, che raccoglie le segnalazioni degli utenti.

AGGIORNAMENTO – “Buone notizie. Va tutto bene e funziona”: ha fatto Spotify dal suo profilo ufficiale Twitter invitando gli utenti che hanno ancora malfunzionamenti a scrivere a SpotifyCares. La stragrande parte delle segnalazioni degli utenti  sul malfunzionamento sono crollate intorno alle 10:30.

Redazione