In seguito a un incidente avvenuto sull’autostrada A1 all’altezza di Napoli, un’automobile ha preso fuoco mentre all’interno – incastrato tra le lamiere – c’era ancora il conducente, un ragazzo di 21 anni. Intorno all’una di notte dello scorso 13 giugno, alcuni poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale di Napoli Nord sono stati attratti dalle urla del giovane mentre transitavano in quella zona, e sono riusciti a tirarlo fuori prima che le fiamme arrivassero alla zona dell’abitacolo.

Gli operatori avevano inizialmente notato la presenza di un gruppo di adolescenti vicino al guard rail di destra, che avevano “evidenti segni di ferite sanguinanti sul volto”. A pochi metri di distanza, ferma sulla corsia di sorpasso, c’era invece la Fiat Panda rimasta coinvolta nell’incidente: ostruiva la carreggiata in maniera pericolosa per chiunque sopraggiungesse, e aveva il sistema di illuminazione spento, rendendosi difficile da vedere.

Un principio d’incendio si era sviluppato nel vano motore, e gli operatori lo hanno domato con l’estintore in dotazione nell’auto della Polizia. Dopo essere riusciti a rimuovere le parti di carrozzeria e del cruscotto che bloccavano le gambe del ragazzo, gli operatori sono riusciti ad estrarlo pochi istanti prima che l’abitacolo venisse interessato dall’incendio, domato successivamente dai Vigili del Fuoco intervenuti poco dopo.

Il giovane è stato portato in ambulanza all’Ospedale del Mare, dove gli è stata riscontrata la rottura del femore e lo schiacciamento della cassa toracica. Anche i due agenti della Polizia Stradale hanno riportato alcune lesioni durante il tentativo di creare spazio per estrarre il 21enne dall’abitacolo.

Redazione