Da sabato 15 maggio la regione Campania apre le prenotazioni per ricevere la prima dose del vaccino anti-covid alla fascia d’età 45-49. E’ quanto annuncia l’Unità di Crisi in una nota. Da martedì 18 maggio ci sarà il via libera invece per la fascia 40-44.

Dopo la lettera inviata lo scorso 12 maggio dal commissario straordinario all’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, alle regioni e alle province autonome (“Da lunedì 17 maggio via libera alle prenotazioni per il vaccino anti-covid anche per gli over 40, ovvero i nati fino al 1981″), era arrivata la polemica del governatore campano Vincenzo De Luca: “Dicono apriamo le vaccinazioni ai 40enni ma i vaccini non ci sono. Ogni mattina sento al telegiornale che arrivano 3, 4, 10 o 50 milioni di vaccini. Vorrei dire sommessamente: perlomeno statevi zitti e diteci quelli arrivati, non quelli che dovrebbero arrivare”.

E’ da leggere in quest’ottica la decisione della task force regionale di aprire agli over 40 in due fasi, a distanza di pochi giorni e a metà strada con la data indicata da Figliuolo. “Ho visto che dal commissariato nazionale si è detto apriamo ai 40enni. Se nelle altre regioni, Liguria, Veneto, Emilia, vi erano più 80enni e 70enni, ora che arriviamo ai 40enni vuol dire che ci sono più cittadini in questa fascia d’età in Campania. Quindi, oggi dovremmo avere più vaccini di altri, ma se ne sono dimenticati. È una guerra quotidiana per avere la stessa percentuale di vaccini”.

Il link della piattaforma:

 

Redazione