Zagrebelski sostiene che quello che sta succedendo in Italia è tutto regolare, tutto dentro la Costituzione. Conte ha la fiducia del Parlamento e nessuno deve protestare secondo Zagrebelski che è tornato a farsi sentire dopo tanto tempo. L’ultima volta che lo fece era per attaccare Renzi e allora diceva che era tutto incostituzionale.

Ora invece è tutto costituzionale. E’ costituzionale che il premier governi con decreti emanati da lui, nemmeno approvati dal Governo. E’ costituzionale ridurre, o quasi abolire, le libertà personali. E’ costituzionale sottoporre i giudici ai pubblici ministeri, cioè rovesciare un criterio giuridico che è sempre esistito nei millenni.

E’ costituzionale lo spionaggio, il trojan, l’abolizione della prescrizione con il processo eterno. Per Zagrebelski Conte ha avuto la fiducia e quindi, finché c’è la maggioranza, va tutto bene. Questi costituzionalisti parlano sul serio? Queste cose Zagrebelski le ha dette in una intervista al giornale di Travaglio. Vogliamo aggiungere una domanda? E’ costituzionale che i giornali nomino la presidenza dell’Eni?