Tre arresti a Marsala, in provincia di Trapani, per raid contro persone extracomunitarie. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato il branco agiva nel centro cittadino, soprattutto durante il weekend. Gli arrestati, tutti italiani, sono accusati a vario titolo di violenza privata, minaccia, lesioni personali, reati aggravati dall’avere agito con efferatezza e spietatezza, per finalità di discriminazione e odio etnico razziale. Nelle prime ore di oggi gli agenti del commissariato di Marsala, coadiuvati dalla Digos di Trapani e del Reparto prevenzione crimine ‘Sicilia Occidentale’ di Palermo, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip su richiesta della locale procura della Repubblica, a carico di Salvatore Crimi, 18 anni, soprannominato ‘spara spara’, Antonio Licari, di 24, e Natale Licari di 36.

Il provvedimento cautelare giunge al culmine di una attività di indagine condotta dal commissariato di Marsala riguardo ad alcune aggressioni avvenute nel centro cittadino, fenomeno che ha caratterizzato la stagione estiva, specie nel corso dei weekend. Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Marsala, hanno consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale di persone, gran parte già note alle forze di polizia, che si è evidenziato, specie durante i fine settimana, per il compimento di veri e propri raid punitivi nei confronti di cittadini extracomunitari che subivano senza alcuna apparente ragione le violenze fisiche e verbali del gruppo criminale. Secondo quanto ricostruito il ‘branco’ non esitava inoltre a colpire oltre che con pugni, calci e ginocchiate, anche con armi improprie procurate al momento, utilizzando sedie in legno, tavolini, bottiglie di vetro e suppellettili varie. Condotte che il ‘branco’ poneva in essere senza alcun timore sulle possibili conseguenze penali ed accecato da una rabbia bestiale, immotivata, resa ancor più deplorevole dalle frasi che inneggiano all’odio razziale.

I tre arrestati “alla vista degli immigrati, gli si scagliavano contro con veemenza e ferocia, inveendo contro di loro, colpendoli con calci e pugni ed avvalendosi di corpi contundenti, minacciandoli e intimandogli di allontanarsi da Marsala ‘siete africani di merda… non dovete più parlare perché siete di colore… Noi vi ammazziamo, qui non avete il diritto di stare… e qui siamo a Marsala’ in quanto ‘africani e nivuri'”, spiega la polizia in un comunicato della questura di Trapani. Le indagini hanno acclarato che nel corso dei raid il gruppo criminale si muoveva come una vera e propria sorta di ‘commando’ che, avvalendosi anche della forza intimidatrice determinata dal cospicuo numero di aderenti, molti dei quali ormai ampiamente noti come persone violente, agiva come una vera e propria squadra punitiva contro chiunque si fosse opposto ai loro commenti, frasi denigratorie o alla loro volontà, il tutto aggravato dalle ripugnanti e odiose frasi dall’evidente sfondo razziale proferite nei confronti degli immigrati presi di mira.

In un episodio infatti il gruppo criminale si scagliava con violenza anche nei confronti del titolare di un esercizio commerciale che tentava di sottrarre il malcapitato dalla cieca violenza degli aggressori. E proprio sull’odioso atteggiamento di avversione a sfondo razziale che caratterizza le condotte aggressive del gruppo criminale, si diffonde ampiamente il gip nell’ordinanza di applicazione della misura, atteggiamento ripetutosi diverse volte negli ultimi tempi nella città di Marsala e concretizzatosi in atti di ingiustificata e violenta aggressione riconducibile agli odierni indagati spalleggiati da altri individui, alcuni già identificati e la cui posizione è al vaglio degli organi inquirenti ed altri in corso di identificazione. Le indagini condotte dai poliziotti del commissariato di Marsala sono state particolarmente articolate e complesse anche per l’assoluta mancanza di collaborazione delle parti offese le quali, evidentemente intimorite dalla ferocia del gruppo criminale, hanno manifestato notevole riottosità a denunciare le violenze patite ed addirittura, nonostante le visibili ed anche gravi lesioni subite, a rinunciare alle cure dei sanitari.

In alcuni episodi si registrava anche la biasimevole condotta di altri presenti che, anziché prestare ausilio al malcapitato oggetto della violenta aggressione, assistevano impassibili all’azione criminosa o, addirittura, incitavano gli aguzzini e, in particolare, Crimi a colpirlo gridando “Salvatore picchialo, picchialo”. Inoltre, nessuno nei giorni successivi alle aggressioni si presentava presso il commissariato di Marsala per rendere dichiarazioni che potessero risultare utili alla ricostruzione dei fatti ed all’individuazione dei responsabili dell’accaduto, verosimilmente temendo possibili ritorsioni dai predetti soggetti facenti parte del ‘branco’, alcuni dei quali, tra cui appunto i tre arrestati, appartenenti anche al gruppo dei tifosi ultras del Marsala Calcio (Street Boys/Nucleo Ribelle), già ripetutamente evidenziatisi in quanto responsabili di reati da stadio e, per tali ragioni, sottoposti a Daspo. Nel corso della perquisizione effettuata presso l’abitazione di Crimi veniva rinvenuta una pistola semiautomatica priva di tappo rosso con relativo caricatore, marca Bruni, modello ‘New Police’ cal.8 mm K, 9 cartucce a salve cal.8 mm e una cartuccia cal.7.75.

Durante le indagini, decisive si sono rivelate le immagini dei sistemi di videosorveglianza cittadina la cui acquisizione e visione ha consentito di estrapolare riprese e fotogrammi rivelatisi fondamentali per individuare gli odierni arrestati e gli altri soggetti indagati, nonché per testimoniare la violenza e la ferocia con cui il gruppo di aguzzini si scagliava contro i soggetti extracomunitari. Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati condotti presso la casa circondariale di Trapani.