La piazza inizia a riempirsi già alle 14.30. Le sardine arrivano a Bologna da tutte le parti dell’Emilia Romagna e anche dalle altre città. In piazza VIII agosto parte il primo coro di ‘Bella ciao’. A iniziare a cantare i volontari di Faenza, poi seguiti a ruota da quelli della Lombardia. È il giorno del concertone del movimento anti populismo che sfida Salvini per batterlo domenica alle urne.

“Ci importa stare insieme, ci importa aver già vinto una battaglia che prima che politica è culturale. I numeri dimostrano che si può fare politica e si può fare dialogo sociale senza odiare. Lo ha detto il leader delle Sardine Mattia Santori arrivando in piazza VIII agosto a Bologna.

I sostenitori del movimento si ritrovano a una settimana dal voto per le Regionali al grido ‘Bentornati in mare aperto’. Alcuni ragazzi sono arrivati dalla Lombardia muniti di sardina ‘Bergamo non abbocca”. “Vogliamo una politica gentile e rispettosa di tutti”, si legge all’interno di un pescetto azzurro sventolato da una ragazza. Sul palco, essendo una manifestazione – come amano ripetere gli organizzatori – “di musica e parole” sono già presenti Manuel Agnelli e gli Afterhours per le prove audio di rito. Oltre 220 i giornalisti accreditati.