Un violento temporale si è abbattuto questa mattina sulla città di Milano. Allagamenti si sono registrati in diversi punti della città. Il fiume Seveso è esondato e le acque del fiume Lambro hanno già raggiunto un’altezza di 1,90 centimetri. Tante le chiamate al numero della Protezione Civile, che è già operativa in città per far fronte alla situazione. Numerose le segnalazioni dei cittadini sui social, che riprendono con video e testimonianze il nubifragio in corso soprattutto nella zona nord del capoluogo.

La violenta bomba d’acqua ha così portato a problemi di circolazione nella zona Nord Est, nella zona di viale Zara, Niguarda e viale Sarca. Diversi gli allagamenti registrati, anche in altre parti della città. La circolazione dei treni è bloccata fra le stazioni di Milano Bovisa e Cadorna a causa dei danni creati dal maltempo all’infrastruttura all’altezza di Milano Domodossola.  Il sito di Trenord spiega che è in corso l’intervento dei tecnici di Ferrovie nord.

 

I PRECEDENTI – Il fiume Seveso non è nuovo a esondazioni derivate dal maltempo. Lo scorso maggio, infatti, per cinque ore la pioggia ha gonfiato il torrente che poi ha riempito le strade di acqua, trasformandole in torrenti. Anche in quel caso sono state riscontrate numerose difficoltà per i mezzi pubblici e per la rete elettrica che ha sofferto diversi blackout, anche lunghi. I Vigili del Fuoco hanno riportato oltre 100 interventi per allagamenti, alberi caduti, soccorso agli automobilisti nei sottopassi, tombini scoppiati.