Il reparto “Palermo” dell’ospedale Cardarelli di Napoli ha fatto sapere che, a seguito di una circolare divulgata dal Responsabile Unico del Procedimento Covid,  non potrà più procedere al ricovero dei detenuti. È una decisione che ancora una volta pone l’accento su un tema che è sotto gli occhi di tutti tanto quanto ignorato da tutti: il diritto alla salute dei carcerati.

“Sono assolutamente consapevole che l’ospedale Cardarelli, il più grande del Sud Italia, è da tempo sotto pressione per il numero spropositato di utenti che vi ricorrono. Non mi sfuggono certamente gli sforzi che l’azienda ospedaliera e tutto il personale sanitario realizza attraverso diverse misure, nel tentativo di affrontare e di alleviare la situazione, ma mi corre l’obbligo di contestare duramente tale decisione”. Si apre con queste parole la lettera che il Garante campano dei diritti delle persone sottoposte a misura restrittiva della libertà personale, Samuele Ciambriello, ha inviato al direttore generale dell’azienda ospedaliera Cardarelli, Giuseppe Longo, e al responsabile unico del procedimento Covid, Ciro Coppola. Nell’ospedale Cardarelli, il reparto Palermo, in parte riservato ai detenuti delle case circondariali di Secondigliano e Poggioreale, ha 12 posti disponibili. Negli ospedali campani, invece, sono solo 35 i posti destinati alle persone in custodia carceraria.

“Impedire ad una platea di circa 3600 detenuti di accedere alle cure sanitarie e alle emergenze che non possono essere trattate nei centri clinici di Poggioreale e di Secondigliano, a me pare, sinceramente, un rimedio peggiore del male introdotto dall’emergenza Covid – conclude Ciambriello – Nei due Istituti di pena vi sono ristretti bisognevoli di ricovero e già programmati nel tempo, che non potranno essere trasferiti al Cardarelli. La circolare va modificata”.

Avatar photo

Giornalista napoletana, classe 1992. Affascinata dal potere delle parole ha deciso, non senza incidenti di percorso, che sarebbero diventate il suo lavoro. Segue con interesse i cambiamenti della città e i suoi protagonisti.