L’accusa aveva chiesto per Antonio Caridi, ex senatore del Pdl 20 anni di carcere con la pesante accusa di associazione mafiosa nell’ambito del processo “Gotha”. Il Tribunale di Reggio Calabria dopo cinque anni di dibattimento lo ha assolto da quell’accusa. Ma Caridi nel luglio 2016 fu arrestato e trascorse in carcere 20 mesi dopo che il Senato ne aveva dato il via libera. Cinque anni dopo arriva la completa assoluzione di Caridi che per la Cassazione con la ‘ndrangeta non c’entrava nulla. Il direttore del Riformista Piero Sansonetti commenta così la vicenda.

Il Tribunale ha assolto il Senatore Antonio Caridi. Io dico il senatore Caridi ma non è più senatore perché è stato buttato fuori dal Senato dai suoi colleghi che hanno votato accettando la richiesta dei magistrati che lo accusavano addirittura di essere uno dei capi della ‘ndrangheta, se non il capo assoluto in un’inchiesta che si chiamava “Gotha”. Loro sostenevano di aver messo le mani sul Gotha, sulla cupola della ‘ndrangheta.

Probabilmente i magistrati conoscono poco la ‘ndrangheta perché chi l’ha studiata sa che non ha una “cupola”, è un’organizzazione orizzontale, a differenza di Cosa Nostra, della mafia siciliana. Ma i magistrati non sono tenuti a sapere tante cose, loro sono tenuti solo a fare avvisi di garanzia, chiedere arresti, ottenerli e buttare la gente in prigione. Così chiesero l’arresto del senatore Caridi, sostennero che era il capo della ‘ndrangheta.

Il Senato non ebbe grandi obiezioni e votò per il suo arresto. Voi sapete che per arrestare un parlamentare, non per procedere contro di lui, per fortuna occorre ancora il permesso della camera a cui appartiene. Il Senato non ebbe grandi problemi, solo Forza Italia votò contro l’arresto. Non fece alcuna indagine per accertare se aveva un senso sostenere che il senatore Caridi fosse il capo della mafia. Guardò circa mille fogli di carta in 24 ore e concesse immediatamente il permesso di arrestarlo. Caridi fu buttato infondo a una cella e tenuto lì per 20 mesi.

Poi la Cassazione ha detto che non ci sono le condizioni per arrestarlo. No, non ci sono, però lui li ha già fatti 20 mesi di prigione. Ma questo è il sistema che viene usato nella giustizia italiana abbastanza abitualmente. Poi è stato processato. Tutto questo è avvenuto nel luglio del 2016, ora siamo nel 2021, cinque anni fa. Venti mesi in prigione e poi aspettare il processo e finalmente nella sentenza è stato dichiarato del tutto innocente.

Non era il capo della Mafia, non era il vice capo della mafia, non era un mafioso e nemmeno uno che faceva il concorso esterno, non c’entrava niente Caridi. Era un Senatore della Repubblica che faceva il suo lavoro e che è stato buttato fuori dal Senato della repubblica da un pugno, anzi da una maggioranza purtroppo, di senatori che con il garantismo non hanno nulla a che fare. E io qui voglio dirlo a tutti, anche a Renzi: Hai fatto votare il tuo partito per l’arresto di Caridi che si è fatto 20 mesi di carcere perché lo avete fatto arrestare. Per lo meno chiedetegli scusa.

E poi un’altra osservazione: La ‘ndrangheta non fa più sequestri di persona. L’unica organizzazione che continua in Italia a fare i sequestri di persona è…non ve lo dico chi è, tanto penso che lo capiate da soli. Un grande abbraccio ad Antonio Caridi.