Il pugile portoricano Félix Verdejo si è costituito domenica scorsa dopo il mandato di arresto emesso nel pomeriggio. È accusato di un delitto orrendo, violento, ancora da provare a questo punto, ma che ha sconvolto l’isola caraibica. Le accuse lo vedono come il principale indiziato per la morte di Keishla Rodriguez, 27 anni, a quanto ricostruito sua amante, incinta di un bambino. Figlio di Verdejo, con molte probabilità, scrivono i media di tutto il mondo. Il pugile comparirà oggi, dopo una notte in carcere, in maniera virtuale di fronte alla Procuratrice federale Vélez Rivé.

Félix Verdejo detto “El Diamante” è un pugile portoricano. Ha rappresentato la sua Nazione alle Olimpiadi del 2012 a Londra. Lo stesso anno è diventato pugile professionista. È un peso leggero. La sua carriera ha subito uno stop nel 2016 a causa di un incidente di moto. Ha 27 anni e un record di 27 vittorie, 17 ko, su 29 incontri, due sconfitte. È già sposato. Conosceva Rodriguez dalla scuola media. I due sarebbero rimasti in contatto. Il pugile, secondo El Vocero, per le accuse di furto d’auto, sequestro e assassinio, oltre che della donna anche del bimbo del quale era incinta, rischia la pena di morte.

La famiglia della donna ha riferito che Rodriguez aspettava un figlio da Verdejo. La madre ha raccontato che la figlia l’avrebbe chiamata giovedì dicendole che l’uomo stava andando a casa sua a vedere il risultato del test di gravidanza. Ha  aggiunto che il pugile aveva già minacciato la figlia in passato. Il corpo di Rodriguez è stato ritrovato sabato in una laguna a San Juan, capitale dell’isola caraibica. Un paio di giorni prima la denuncia della sua scomparsa.

Le accuse, come riportate da Lapresse e Associeted Press, ritengono che Rodriguez abbia colpito la donna e quindi iniettato una siringa con una sostanza ancora non identificata. L’avrebbe quindi legata, mani e piedi, con un cavo prima di buttarla da un ponte intorno alle 8:30 dello scorso giovedì. Le accuse aggiungono che il boxeur avrebbe sparato alla donna sul ponte e che un’altra persona non identificata avrebbe aiutato Verdejo a rapire e uccidere la donna.

Il caso ha scatenato grande clamore e indignazione nel Paese centroamericano. Un centinaio di persone si sono riunite domenica nei pressi del ponte sulla laguna che ha restituito il corpo di Rodriguez per chiedere giustizia per questo caso e quelli di altre donne maltrattate o uccise.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.