Christian non ce l’ha fatta. E’ morto poco prima della mezzanotte del 9 luglio il ragazzo di 15 anni ricoverato in terapia intensiva grandi ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Christian Gravante ha lottato fino alle fine nonostante le gravi ustioni che hanno interessato oltre il 50% del suo corpo in seguito al drammatico incidente stradale avvenuto lo scorso 26 giugno lungo via Nazionale Appia, nel Casertano.

Quel maledetto sabato la moto sulla quale viaggiava andò a fuoco dopo un impatto. Le fiamme hanno interessato anche il copro del 15enne, le cui condizioni sono apparse sin da subito gravissime.

In queste due settimane al Cardarelli, Christian ha subito diversi interventi in chirurgia plastica ricostruttiva. L’ultimo nella giornata di ieri, venerdì 8 luglio. Poi il quadro clinico è precipitato nel giro di poche ore con il decesso arrivato nella tarda serata.

Ad annunciarne la scomparsa è stato papà Mario con un post sui social: “Nostro figlio Christian è venuto a mancare durante la notte. Le sue condizioni erano da sempre molto gravi e il suo cuore ha smesso di funzionare spezzando la sua giovane vita. Noi genitori, insieme a Christian, abbiamo sentito la vicinanza di tutti quelli che hanno voluto essere presenti durante la sua lunga agonia. Sarà ricordato come l’amico di tutti, perché grazie al suo carattere allegro e disponibile era amato fin da subito da chiunque facesse la sua conoscenza”.

 

 

 

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.