Litiga in casa con la moglie e poi la colpisce con un martello in testa, più volte finchè la donna non è finita a terra in una pozza di sangue. Dopo, credendola morta, è fuggito e si è suicidato. Una storia tremenda di violenze accaduta in zona Santa Maria a Filottrano (Ancona). Subito è scattata la caccia all’uomo. I carabinieri del posto, coordinati dalla Compagnia di Osimo, stavano cercando l’uomo, 52enne di origine moldava, per arrestarlo per tentato omicidio ma lo hanno trovato morto. La moglie, circa 50 anni, anche lei moldava, ha riportato gravi ferite ma non è in pericolo di vita.

La moglie, nonostante fosse ferita e sanguinante, dopo essersi rialzata, ha trovato la forza per chiedere aiuto e allertare le forze dell’ordine. È stata trasportata in eliambulanza all’ospedale di Torrette ad Ancona. Dopo la segnalazione, i carabinieri si sono messi alla ricerca del marito 52enne e lo hanno trovato morto nel capannone dove lavorava e dove si è impiccato. La pm Irene Bilotta è stata informata dai carabinieri dell’accaduto e sta attendendo dettagli per cercare di ricostruire una esatta dinamica dei fatti. Ha aperto un fascicolo per lesioni aggravate destinato però a chiudersi per morte dell’autore dell’aggressione.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.