Un virus particolarmente letale per le persone affette da almeno una o più patologie pregresse, che colpisce in particolare pazienti nella fascia d’età superiore ai 70 anni, con 8 giorni in media tra i sintomi e il decesso.  A confermare la statistica sui pazienti deceduti in Italia è l’ultimo report pubblicato dall’Istituto superiore di sanità, aggiornato al 17 marzo.

12 DECESSI SENZA PATOLOGIE PREGRESSE – Come emerge dai dati, sono soltanto 12 le persone decedute affette da coronavirus che non presentavano patologie pregresse tali da causarne la morte. Numeri ottenuti, spiega l’ISS, tramite l’analisi di 355 dei 20003 deceduti accertati in Italia, pari al 17,7% del campione complessivo. Il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 2.7, complessivamente 12 pazienti (3,4% del campione) presentavano 0 patologie, 84 (23,7%) presentavano 1 patologia, 90 presentavano 2 patologie (25.4%) e 169 (47,6%) presentavano 3 o più patologie.

L’ETA MEDIA DEI MALATI – L’età media dei pazienti deceduti e positivi a Covid-19 è 79.5 anni. Le donne sono 601 (30.0%). Il grafici mostrano che l’età mediana dei pazienti deceduti positivi al nuovo Coronavirus è più alta di oltre 15 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione (età mediane: pazienti deceduti 80.5 anni – pazienti con infezione 63 anni).

Il secondo grafico mostra invece il numero dei decessi per fascia di età. Le donne decedute dopo aver contratto infezione da Covid-19 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediane: donne 83.7 – uomini 79.5).

Al 17 marzo sono diciassette i pazienti deceduti per Coronavirus di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 5 di questi avevano meno di 40 ed erano tutte persone di sesso maschile con età compresa tra i 31 ed i 39 anni con gravi patologie pre-esistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità).

I SINTOMI – La tabella in basso mostra invece i sintomi più comunemente osservati prima del ricovero nei pazienti deceduti per Covid-19. Come mostrato nella figura, dispnea e febbre rappresentano i sintomi di più comune riscontro, meno comuni sono tosse, diarrea e emottisi. Il 5,2% delle persone non presentavano alcun sintomo al momento del ricovero.

LE TERAPIE – Per quanto riguarda le terapie utilizzate per per fare fronte ai pazienti affetti da Coronavirus, quella antibiotica è stata quella più utilizzata (83% dei casi), meno utilizzata quella antivirale (52%), più raramente la terapia steroidea (27%). Il comune utilizzo di terapia antibiotica può essere spiegato dalla presenza di sovrainfezioni o è compatibile con inizio terapia empirica in pazienti con polmonite, in attesa di conferma laboratoristica di Covid-19. In 25 casi (14,9%) sono state utilizzate tutte 3 le terapie.

I SINTOMI – Dal report dell’ISS emerge inoltre che tra l’insorgenza dei sintomi di Covid-19 e il decesso del paziente trascorrono in media 8 giorni. Sono quattro i giorni che passano dall’insorgenza dei dei sintomi al ricovero in ospedale e dal ricovero in ospedale al decesso.