“I non vaccinati hanno buone ragioni per essere preoccupati perché rischiano il ricovero e la morte. Se avete fatto il terzo richiamo, siete molto più sicuri e potete celebrare in sicurezza le feste natalizie come programmato”. E’ l’avvertimento lanciato dal presidente americano Joe Biden nel discorso alla nazione con cui ha presentato il piano per affrontare la pandemia di Covid-19 e la dilagante diffusione della variante omicron.

Biden ha esortato la popolazione statunitense a vaccinarsi: “Ancora troppi non sono vaccinati o non hanno ricevuto la terza dose”, ha affermato il democratico parlando alla nazione. E poi, nel sottolineare l’importanza della dose booster, ha menzionato il suo predecessore alla Casa Bianca. “Anche l’ex presidente Donald Trump ha ricevuto la terza dose del vaccino” contro il Covid-19. E marcando la distanza di vedute con il repubblicano, Biden ha riconosciuto che sulla dose booster c’è sintonia perché è “una delle poche cose su cui siamo d’accordo”. L’ex presidente Trump ha recentemente ricevuto la terza dose del vaccino contro il Covid-19, difendendosi da coloro che, in diretta, hanno criticato sonoramente la sua decisione. L’ex inquilino della Casa Bianca ha affermato che la reazione negativa è arrivata da un ristretto gruppo di membri del pubblico presente a un evento a Dallas, Texas, con l’ex conduttore di “Fox News” Bill O’Reilly, durante il quale Trump ha rivelato di aver ricevuto la terza inoculazione.

“Chi non si vaccina rischia di ammalarsi in maniera più grave e rischia la morte”, ha detto il presidente Biden, ribadendo però che l’attuale situazione sanitaria è differente rispetto al 2020, quando non c’erano i vaccini contro il Covid-19. “Nel marzo 2020 non eravamo pronti, ora lo siamo. Abbiamo abbastanza protezioni e ventilatori per affrontare l’aumento dei ricoveri. Duecento milioni di persone sono pienamente vaccinate. Dobbiamo essere preoccupati per la variante Omicron, ma non farci prendere dal panico”, ha detto l’inquilino della Casa Bianca, affermando però che la variante omicron del coronavirus è ormai il ceppo dominante negli Stati Uniti. E per questo, la Casa Bianca sta valutando la possibilità di revocare il travel ban sul Sudafrica e altri sette Paesi dell’Africa meridionale deciso con l’emergere della variante omicron del Covid-19, visto che il virus è già diffuso negli Usa. La misura sarà discussa nei prossimi giorni.

Durante il suo discorso, Biden ha annunciato, come previsto, l’impiego in tutto il Paese di mille medici militari, in supporto alle strutture ospedaliere, e l’acquisto di mezzo milione di test per il Covid, che verranno inviati a casa agli americani gratuitamente. Viene potenziato anche l’accesso ai test gratuiti, inclusi quelli fatti a casa. Al momento ci sono oltre 20mila siti negli Usa, ma altri ne verranno aggiunti a partire da New York.

E in riferimento all’obbligo vaccinale ha sottolienato che “La mia amministrazione non ha adottato misure per controllare la vostra vita, ma per salvarla”. “Le scuole – ha continuato – possono restare aperte e le lezioni condotte in classe anche nel caso di positività. Il virus è preoccupante, ma la scienza è chiara. Il vaccino aiuta a proteggersi”.

Chiunque voglia immunizzarsi può farlo, facilmente e gratuitamente, quindi. Resta da convincere lo zoccolo duro dei circa 40 milioni di americani che si rifiutano di vaccinarsi per ignoranza, motivazioni politiche, religiose, o interessi personali. “Basta con la disinformazione, basta con le bugie sui vaccini anti Covid, devono finire ora -ha detto il presidente – Tutto questo è immorale. Noi siamo pronti per affrontare l’emergenza Omicron”.

Redazione