Saranno in piazza del Popolo, sabato 8 maggio, per far sentire la propria voce e portare avanti le loro battaglie. Medici, volontari e associazioni vogliono protestare per la battaglia che sta portando avanti il ministro Speranza contro le cure domiciliari per il coronavirus.
CURE DOMICILIARI PRECOCI
Le cure domiciliari precoci secondo uno schema terapeutico elaborato in scienza e coscienza dai medici del Comitato Cura Domiciliare Covid 19 e la centralità del ruolo dei medici nel supporto domiciliare precoce saranno il cuore di una conferenza nazionale che si terrà nel cuore di Roma sabato prossimo. A partire dalle 14.30 alcuni dei medici del gruppo che attraverso Facebook ha supportato migliaia di persone in tutta Italia, racconteranno la loro esperienza e spiegheranno l’importanza di un approccio domiciliare precoce, secondo la loro esperienza. I cittadini che sono stati curati dai professionisti del gruppo, porteranno in piazza la testimonianza di quanto questo approccio abbia decisamente fatto la differenza nelle loro vite.
CONTRO IL MINISTERO DELLA SALUTE
Le cure domiciliari hanno salvato migliaia di vite, eppure non sono state prese in  considerazione nella redazione delle nuove linee guida nazionali licenziate dal Ministero della Salute. Il Senato della Repubblica ha votato all’unanimità per l’avvio di un tavolo di lavoro per la redazione di linee guida nazionali per il contrasto del Covid-19 a domicilio, tenendo conto dell’esperienza dei medici che hanno operato su tutto il territorio nazionale. Il Ministro Speranza ha il dovere di coinvolgere i medici impegnati sul campo, nella redazione di protocolli di cura domiciliare.

Sofia Unica