La macchina vaccinale a Napoli si intensifica sempre di più. Tanto da essere arrivati a inoculare 12mila dosi al giorno solo nell’Asl Napoli1 con il sostegno dei nuovi hub vaccinali che via via si stanno inaugurando.

L’ultimo che sta entrando a pieno regime è l’hub vaccinale interaziendale realizzato nell’hangar Atitech. Ora la differenza la potrà fare la collaborazione dei cittadini nel rispetto delle fasce orarie di convocazione e del luogo. “Siamo ormai in una fase di vaccinazione massiva – spiega il direttore generale Ciro Verdoliva – la sola ASL Napoli 1 Centro procede ad un ritmo di 12mila vaccinazioni al giorno e l’hub interaziendale sta passando dalle 2 mila vaccinazioni al giorno alle 8mila, facendo crescere ancor più questi numeri”.

“Siamo fiduciosi che questi numeri cresceranno ancora, portando Napoli e la Campania verso gli obiettivi fissati dal presidente Vincenzo De Luca e per farlo siamo certi che potremo contare sulla collaborazione di tutti i nostri utenti”. Il rispetto delle fasce orarie e del luogo di convocazione è determinante per fare in modo che la grande macchina organizzativa messa in campo possa viaggiare al massimo della velocità. L’appello dell’ASL Napoli 1 Centro arriva oggi in considerazione delle code che si sono create durante il weekend a causa delle richieste di essere vaccinati al di là degli orari prefissati e in hub diversi da quelli di convocazione. È infatti importante rispettare l’orario e il luogo di convocazione senza poter scegliere secondo un criterio di prossimità.

Il 5 maggio “Open Day” nell’Asl Napoli 2: vaccinazioni senza prenotazioni

Per stimolare le adesioni alla vaccinazione di massa l’Asl Napoli 2 ha pensato di organizzare dei veri e propri “Open Day”, cioè giornate in cui la vaccinazione è aperta senza prenotazione ma solo per le fasce che ne hanno diritto. La Asl ne ha già sperimentato una giornata il 25 aprile e ipotizza di poterne promuovere delle altre.

Sono stati circa 2mila i cittadini che si sono recati presso i quattro centri ad accesso libero collocati a Forio d’Ischia, Pozzuoli, Giugliano ed Afragola dove per potersi vaccinare bastava essere residente sul territorio dell’ASL Napoli 2 Nord ed avere compiuto 60 anni di età. La nuova data è fissata per il 5 maggio: i residenti con più di 60 anni (con più di 50 se residenti a Ischia) potranno vaccinarsi recandosi direttamente ai centri vaccinali e senza prenotazione.

“Siamo molto contenti dell’esito del primo Open Day” ha commentato Antonio D’Amore, direttore Generale dell’ASL Napoli 2 subito dopo il primo esperimento del 25 aprile. “Avevamo programmato gli open day in quattro nostri hub con l’obiettivo di avvicinarci di più alle comunità, facilitando l’accesso alla vaccinazione a quanti per ragioni pratiche o per difficoltà nell’approccio alle tecnologie ne erano rimasti esclusi. Le oltre 1700 vaccinazioni effettuate in poche ore nei soli centri che accoglievano cittadini senza prenotazioni ci hanno dato ragione circa l’opportunità di realizzare una giornata simile. Sapevamo che questa modalità di somministrazione comportava rischi di assembramenti e folle, ma tutto ha funzionato al meglio. Il potenziamento dell’organizzazione, il prezioso supporto dei volontari della Protezione Civile e la collaborazione delle Amministrazioni Comunali e delle Forze di Polizia ci hanno permesso di vaccinare migliaia di persone senza creare resse e disagi; ringrazio tutti per la collaborazione prestata, questa credo sia la strada giusta. Nelle prossime ore analizzeremo quanto fatto, così da programmare a breve nuovi open day”.

Elenco dei punti vaccinali di Napoli

L’accelerazione definitiva alla campagna l’ha data l’apertura dell’Hub più grande del Sud Italia, quello di Capodichino nell’hangar Avio 2 dato in prestito gratuitamente dall’Atitech alle Asl napoletane. Qui si concentrano le vaccinazioni per gli over 50.

Poi c’è il Covid Vaccine Center alla Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta che è il primo polo ad aver aperto le porte ai vaccini. Qui si prediligono i vaccini per gli over 50 e per la categoria dei fragili. Al Museo Madre in via Settembrini, a ridosso di via Duomo, invece procedono le vaccinazioni per i napoletani compresi tra i 50 e i 59 anni. Alla Stazione Marittima invece si procede con le inoculazioni degli over 70 mentre alla Fagianeria nel Real Bosco di Capodimonte (ingresso da porta Miano) sono previste le inoculazioni dei caregiver.

Sono partite anche le inoculazioni al centro vaccinale Eav di Porta Nolana per gli addetti al settore del trasporto pubblico, a cominciare dai dipendenti ultracinquantenni, per proseguire, nei prossimi giorni, con le altre fasce di età. L’obiettivo è immunizzare tutti i lavoratori del comparto, compresi i tassisti, gli operatori delle Ncc e delle aziende di cabotaggio marittimo. Presto si si aggiunge la postazione Track Mobile disposta per il Rione Sanità: si procederà con circa 600 inoculazioni al giorno realizzate dai medici di famiglie e dalle Usca con la campagna domiciliare e, ovviamente, migliaia di seconde dosi somministrate in tutti i centri vaccinali napoletani.

Elenco dei punti vaccinali della provincia di Napoli

L’Asl Napoli 2 ha chiesto ai vari comuni della provincia di mettere a disposizione alcuni in luoghi destinati alla cultura, allo sport o nei pressi di parrocchie. Ecco l’elenco delle 16 postazioni messe a disposizione.

Il 5 maggio 2021, tutti gli hub vaccinali dell’ASL Napoli 2 Nord effettueranno vaccinazioni senza prenotazione esclusivamente per gli abitanti del territorio di riferimento dell’Asl Napoli 2.

Per quanti hanno tra i 60 e i 79 anni presso:
– Pozzuoli – Palazzetto dello Sport di Monteruscello
– Pozzuoli – Centro vaccinale presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie
– Bacoli – Palazzo dell’ostrichina presso il parco vanvitelliano
– Villaricca – Palatenda
– Quarto – Parrocchia San Castrese
– Giugliano – Scuola Montalcini GB Futura
– Giugliano – Ospedale San Giuliano
– Sant’Antimo – Palestra Romeo Cammisa
– Mugnano – Palestra Liceo Segré
– Frattamaggiore – Ospedale San Giovanni di Dio
– Frattaminore – Biblioteca Comunale
– Afragola – Centro LuMo
– Cardito – Palestra scuola Galilei

Sull’isola di Ischia l’open day sarà diretto ai cittadini che hanno tra i 50 e i 79 anni solo presso:
– Il centro vaccinale di Ischia Porto presso il palazzetto dello Sport

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.