Il tifoso protagonista del gesto che ha indignato l’Italia e il web – il palpeggiamento in diretta ai danni dell’inviata di Toscana Tv  Greta Beccaglia – è stato raggiunto da un Daspo di tre anni. “Non so bene cosa mi sia preso in quel momento”, ha detto il 45enne ristoratore protagonista dell’episodio al fischio finale di Empoli-Fiorentina. L’uomo vive con la compagna e la figlia. È indagato con l’ipotesi di reato di violenza sessuale.

Il Resto del Carlino ha intervistato la compagna dell’uomo, tifoso della Fiorentina. “È dolce ed è un coccolone rispettoso, sempre presente nelle difficoltà di chi ha vicino. È un grande uomo, un papà speciale, un amico di tutti. Un simpatico burlone”, ha detto la compagna del 45enne marchigiano. “Ci facciamo forza a vicenda per quello che ci sta capitando. Siamo su tutte le tv e i giornali”, lamenta la donna stanca degli insulti indirizzati al compagno anche via social e tramite le recensioni al ristorante: alcuni invitano a non andarci perché gestito da un “molestatore”. “Che quella cosa non si faccia lo sappiamo. Ma farlo passare da maniaco e violentatore è un fatto che ammazza l’anima”.

Il Daspo firmato dal questore di Firenze Filippo Santarelli impedirà all’uomo di accedere a manifestazioni e gare sportive. Ai microfoni de Le Iene e di Radio24 l’uomo si è scusato. “Mi scuso per il gesto. Non riesco a spiegarlo. Ora vorrei contattare la giornalista e chiederle scusa – ha detto il 45enne – A casa mi hanno detto ‘come ti è venuto in mente’, me l’ha detto anche la mia compagna. Sanno che non sono una persona cattiva, stiamo passando tutti i dispiaceri possibili del mondo. Non sto bene. Uno lavora una vita, crea una vita, e guarda per una cosa così … Lo sputo sulla mano? Stavo tossendo”.

Il suo avvocato, Roberto Sabbatini, ha sottolineato che “Andrea è molto dispiaciuto, non dorme da due notti e la prima cosa che mi ha chiesto è di mettermi in contatto con la giornalista. È stato sempre rispettoso delle donne, mi ha detto che nelle sue intenzioni non voleva essere un approccio o un’allusione sessuale, né un’offesa”. La giornalista ha denunciato, non avrebbe accettato le scuse al momento. La Digos ha inoltre individuato un 48enne della provincia di Firenze che a fine partita, secondo la denuncia, avrebbe sfiorato l’inviata nelle parti intime: raggiunto anche questo da un Daspo di due anni. Ci sarebbero anche per questo caso le immagini della televisione locale.

Toscana Tv, l’emittente per cui lavora Beccaglia, ha deciso di sospendere momentaneamente il conduttore Giorgio Micheletti “di comune accordo, al fine di chiarire lo svolgimento dei fatti riservandoci di valutare eventuali provvedimenti disciplinari”. Il giornalista durante la trasmissione aveva invitato la donna, subito dopo la molestia, ad andare avanti con il collegamento: “Dai, non te la prendere. Non te la prendere”.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.