Dopo che tra la notte del 25 e 26 maggio si è verificata la “superluna di sangue”, il 10 giugno ci sarà una rarissima eclissi solare denominata “anello di fuoco”. Il fenomeno naturale astronomico accade quando la luna passa direttamente tra la Terra e il Sole bloccando completamente la luce del sole. La copertura dovuta al passaggio della Luna lascia un visibile anello luminoso di luce solare e il sole apparirà come una mezzaluna.

Secondo quanto ha riportato la NASA, l’eclissi solare avviene sono in specifiche condizioni. Infatti, la Luna deve essere nella sua prima fase lunare e deve anche essere più lontana dalla Terra nella sua orbita ellittica, apparendo più piccola nel cielo di quanto sarebbe normalmente. L’anello di fuoco si forma proprio perché apparendo più piccola agli occhi dell’uomo, non può oscurare completamente la luce del sole.

Mentre la Luna e il Sole si alzano sempre più in alto nel cielo, la sagoma della Luna si sposterà gradualmente dal sole in basso a sinistra, consentendo di far vedere il Sole fino alla fine dell’eclissi” ha detto la NASA.  L’eclissi solare è prevista per giovedì mattina. Ci sarà la luna nuova, che eclisserà il sole intorno alle 6:53.

Per vedere l’eclissi solare sarà necessario indossare degli occhiali speciali che proteggono gli occhi. L’eclissi sarà completamente visibile in alcune parti del Canada, della Groenlandia, dell’Oceano Artico e della Siberia. Sarà parzialmente visibile nel Nord America, della Groenlandia, dell’Europa settentrionale e dell’Asia settentrionale. A Washington, DC, la luna coprirà circa l’80% del lato sinistro del sole mentre sorgeranno insieme a est-nord-est alle 5:42 del mattino.

Da qualsiasi punto lungo questo percorso anulare dell’eclissi solare, lo stadio intermedio o anulare o ‘anello di fuoco’ dell’eclissi dura un massimo di 3 minuti e 51 secondi“, ha scritto EarthSky. Sarà la prima del 2021. Una seconda eclissi solare totale è prevista per il 4 dicembre.

Laureata in relazioni internazionali e politica globale al The American University of Rome nel 2018 con un master in Sistemi e tecnologie Elettroniche per la sicurezza la difesa e l'intelligence all'Università degli studi di roma "Tor Vergata". Appassionata di politica internazionale e tecnologia