Possibile svolta nel caso di Gabby Petito. Ritrovati dei resti apparentemente umani in Florida, nell’area di Tampa, non lontano da dove sono stati rinvenuti oggetti di Brian Laundrie, il fidanzato dell’influencer 22enne scomparsa a fine agosto e trovata strangolata in Wyoming. A farlo sapere è l’Fbi mentre sono in corso gli esami per verificare i resti rinvenuti. Sul posto un medico legale per gli accertamenti.

Il caso ha richiamato grande attenzione mediatica negli Stati Uniti nell’ultimo mese. Erano uno zainetto a un bloc notes gli effetti personali ritrovati al di fuori di un sentiero del Myakkahatchee Creek Environmental Park. Il luogo del ritrovamento nei pressi dell’area di North Portth che Laundrie frequentava. Alle ricerche hanno partecipato anche i genitori del ragazzo, Chris e Roberta.

Laundrie era scomparso qualche giorno dopo la denuncia dei genitori della ragazza, mai tornata dal viaggio in camper con il fidanzato partito lo scorso luglio. L’hashtag del viaggio raccontato in termini romantici e patinati era #vanlife: vita da camper. I resti della ragazza erano stati ritrovati lo scorso 19 settembre. L’autopsia ha rivelato la morte per “strangolamento da mano umana”.

Il caso di Gabby Petito

La ragazza era stata vista in vita l’ultima volta a Jackson Hole, il 27 agosto, nel Wyoming. Stava raccontando tramite i social il suo viaggio on the road che era partito a luglio e doveva durare quattro mesi. La coppia si muoveva con un furgone attrezzato come un camper per girare tra boschi, montagne e praterie. I suoi resti sono stati rinvenuti a una cinquantina di chilometri dal luogo dell’ultimo avvistamento, in un cantiere vicino a un campeggio.

Stando a quanto riferito da un testimone, in occasione dell’ultimo avvistamento, la 22enne era intervenuta per sedare una lite tra il ragazzo e una hostess di un ristorante. Era “sconvolta” e “stava piangendo”. Precedentemente la coppia aveva litigato così violentemente, nello Utah, che era stato necessario l’intervento degli agenti. Alla polizia i due avevano raccontato di essere innamorati e che presto si sarebbero sposati. Gli agenti li hanno lasciati andare e mandato Brian a dormire in albergo per quella notte.

Il fidanzato invece è sparito dal 14 settembre dopo essere tornato da solo a casa a North Port, in Florida, con il furgoncino. Praticamente da quando i genitori della ragazza hanno denunciato, l’11 settembre, è irreperibile: si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ai suoi genitori aveva raccontato di essere uscito per un’escursione nei boschi e di non aver più trovato la ragazza al suo ritorno. Su di lui pende un mandato di cattura anche perché ha usato una carta di credito intestata alla fidanzata tra il 30 agosto e il primo settembre, ovvero quando la ragazza poteva essere già morta.

Sia Petito che Laundrie ambivano a diventare famosi influencer. La madre di Gabby avrebbe riferito alle autorità di aver percepito dalle ultime conversazioni con la figlia delle tensioni in corso con il fidanzato. Dopo l’ultimo messaggio del 27 agosto il telefono della ragazza è stato sempre irraggiungibile. Fox News cita un avvocato che dice che è “altamente probabile” che i resti ritrovati appartengano a Brian Laundrie.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.