“Abbiamo valutato che il Covid19 può essere definito come una pandemia”. Così il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Non abbiamo mai visto una pandemia di un coronavirus, questa è la prima. Ma non abbiamo mai visto nemmeno una pandemia che può, allo stesso tempo, essere controllata”, ha aggiunto.

Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o negligenza. È una parola che, se usata in modo improprio, può causare paura irragionevole o accettazione ingiustificata che la lotta è finita, portando a sofferenze e morte inutili”, ha sottolineato Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Descrivere la situazione come una Pandemia non cambia – ha sottolineato – la valutazione dell’Oms sulla minaccia rappresentata da questo coronavirus. Non cambia ciò che l’Oms sta facendo, e non cambia ciò che i paesi dovrebbero fare”

“Siamo in questa situazione assieme e abbiamo bisogno di agire con calma per fare la cosa più giusta”, ha concluso. Il direttore generale ha ringraziato l’Italia, la Corea del Sud e l’Iran per le misure adottate.

QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA EPIDEMIA E PANDEMIA – Entrambe le parole epidemia e pandemia riguardano malattie infettive causati da agenti che entrano in contatto con l’individuo, come può essere appunto il coronavirus. La differenza sta non nella gravità della malattia, ma nella sua diffusione geografica. Come ricorda infatti l’Istituto Superiore della Sanità le malattie infettive possono essere più o meno contagiose, potendo diffondere in forma sporadica, epidemica, endemica o pandemica.

Un caso sporadico si manifesta si manifesta in una popolazione in cui una certa malattia non è sempre presente, mentre una malattia può essere definita endemica quando l’agente, che può essere un virus, è stabilmente presente e circola tra la popolazione con un numero di casi più o meno elevati, ma distribuito uniformemente nel tempo.

L’epidemia invece si manifesta quando il numero di casi infetti aumenta in breve tempo esponenzialmente, interessando in una particolare un numero elevato di persone, superiore alla media, per una certa comunità.

Per parlare di pandemia (dal greco pan-demos, “tutto il popolo”), l’OMS parla di un agente patogeno per il quale le persone non hanno immunità e che si diffonde con grande rapidità e facilità in una zona più vasta rispetto a quella solitamente interessata da una ‘semplice’ epidemia.