Giovina “Gioia” Mariano è stata vista l’ultima volta la mattina dell’8 marzo 2017. E poi più nulla: scomparsa, perse le tracce, sparita da ormai oltre quattro anni. È il caso ancora aperto e senza risposte della donna scomparsa a Moscufo, in provincia di Pescara. “Gioia si è allontanata veramente di sua volontà, o le è successo qualcosa di tragico?”, si chiede oggi la cugina Sonia che con altri parenti sta insistendo per scoprire la verità sul giallo.

Giovina Mariano aveva 60 anni quando è scomparsa. Era stata una dipendente comunale del municipio di Pescara. La chiamavano “Gioia”. L’ultimo a vederla fu suo nipote: intorno alle 8:00 del mattino di quell’8 marzo del 2017. Da allora nessuna notizia più. Il telefono da allora non più raggiungibile. Sul caso l’associazione “Penelope Abruzzo – Associazione Famiglie e Amici Persone Scomparse”, che si occupa del caso con appelli e segnalazioni, rende noto come “agli atti ci sia solo una denuncia per allontanamento”.

Del caso si sta parlando più fittamente in questi giorni perché alcuni parenti hanno deciso di andare fino in fondo e hanno lanciato un appello raccolto dalla trasmissione di Rai3, condotta da Federica Sciarelli, Chi l’ha visto?, esprimendo le proprie preoccupazioni. La cugina Sonia ha spiegato che Giovina viveva sola. Dopo aver lasciato il lavoro aveva cominciato a occuparsi dei genitori. Una volta morti entrambi ha ereditato immobili e depositi bancari. Prima di allontanarsi avrebbe detto al nipote di essere in partenza per un viaggio lungo.

La presidente dell’associazione “Penelope” Alessia Natali ha lanciato recentemente un ulteriore appello a tutti i conoscenti, i compaesani, gli amici e gli ex colleghi di lavoro: “Chiunque possa dirci qualcosa, qualsiasi info su sue confidenze, le sue volontà, i suoi racconti. Finché non la troveremo, non mi fermerò! Possono contattarmi tramite telefono 3475922521 o tramite mail abruzzo@penelopeitalia.org”. La donna era alta circa un metro e sessanta, di corporatura esile, capelli scuri e di media lunghezza, indossava occhiali da vista.

“Gioia il mese successivo alla sua scomparsa – continua Natali sui social – ha compiuto 61 anni, oggi ne ha 65.  Li avrebbe compiuti e ne avrebbe … chissà … non lo sappiamo. L’unica certezza che abbiamo è che Gioia aveva intenzione di vendere la casa di sua proprietà per acquistarne o forse prendere in affitto un’abitazione più piccola e adatta alle sue necessità. Gioia progettava dunque di rimanere in Abruzzo. Ha forse cambiato repentinamente idea??! Fatto è che Gioia quella casa, pur volendo, non può più venderla perché è stata venduta all’asta”.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.