È salito a 56 il numero di contagiati per il “cluster del sushi” di Savona, il focolaio esploso con il ricovero di Matteo Aicardi, centroboa della Pro Recco di pallanuoto risultato positivo al Covid-19 dopo essere andato a mangiare in un ristorante giapponese lo scorso 8 luglio.

Non solo. Nel locale, “Bet Sushi”, erano presenti anche tre positivo al Covid-19: l’8 luglio l’atleta era andato a mangiare in un ristorante giapponese, così come tre infermiere dell’ospedale San Paolo di Savona, poi risultate positive al virus, mentre in seguito ad ulteriori accertamenti sono stati trovati positivi anche 8 dipendenti.

I tamponi sono scattati a tappeto anche per tutti gli altri clienti, rintracciati con i numeri di telefono lasciati all’ingresso. In totale, tra i 56 contagiati accertati, vi sono ad oggi 45 clienti, 8 dipendenti e 3 infermiere dell’Asl 2. Le persone positive al Covid-19 sono tutte asintomatiche tranne 5, ricoverati con sintomi non gravi, mentre altre 3 sono a casa con sintomi lievi. In totale sono 1500 le persone in quarantena a Savona e provincia.