«Il ministro Di Maio si è accorto con un po’ di ritardo che la politica sulla Libia e il Mediterraneo era fatta dall’allora suo collega al Viminale, Matteo Salvini, e non dalla Farnesina. Lo stesso Di Maio di quel Governo era uno dei due vice presidenti, quindi immagino consenziente per non dire connivente con quella pratica. D’altro canto c’è poco a meravigliarsi: della Libia interessava solo come fermare “l’invasione” di migranti». A sostenerlo a Il Riformista è Emma Bonino, leader storica dei Radicali, già ministra degli Esteri e Commissaria europea, oggi senatrice di +Europa.

Il 2020 si è aperto nel segno della guerra: dalla Libia all’Iraq, passando per Siria e Yemen, una intera area del mondo è in fiamme. È un incendio indomabile?
Io spero di no e penso che dobbiamo fare il massimo sforzo possibile per salvare il salvabile. Penso anche, però, che è una matassa quasi inestricabile, nella quale ci sono fili e conflitti locali, milizie e quant’altro, che s’intrecciano con interessi delle potenze regionali, il tutto poi intrecciato e acuito da interferenze pesanti di potenze internazionali. E la cosa più pericolosa è che a me pare che nessuno abbia il boccino in mano.

Due crisi si impongono sulle altre: quella Usa-Iran e la crisi libica. Partiamo dalla prima. Come giudica l’azione di Trump, c’è una strategia, che non sia elettorale, dietro l’eliminazione del generale iraniano Qassem Soleimani?
Alcuni, invero pochi, sostengono che ci sia una strategia dietro l’azione unilaterale di Trump. Se esiste, io francamente non riesco a vederla. Trump non ha avvertito neanche il suo Congresso e il suo Senato. Ad azione compiuta, ha avvertito i tre membri europei di quel Gruppo di contatto sul nucleare con l’Iran dal quale peraltro Trump si è già sfilato. La posizione ufficiale della Casa Bianca è che Soleimani era al centro di pianificazioni di attacchi contro interessi e personale Usa, e quindi si sarebbe trattato di un’azione eminentemente preventiva. Noto soltanto che trattasi dello stesso tipo di argomentazione che sostenne l’intervento militare di George W.Bush contro Saddam Hussein, con i risultati che tutti conosciamo.

Come valuta la risposta iraniana e c’è il rischio che la radicalizzazione dello scontro taciti le piazze democratiche che si erano manifestate a Baghdad come nella stessa Teheran?
Sì, secondo me questo rischio esiste. Nel senso che sta riprevalendo uno spirito di orgoglio nazionalista in entrambi i Paesi che invece avevano visto l’emergere di movimenti, sia in Iraq che in Iran, contro i governi, sia pure per motivazioni diverse.

Altro dossier caldo, e che ci riguarda da vicino, è quello libico. In Libia è sempre più una guerra per procura. L’Italia prova a giocare la carta diplomatica, ma senza grandi risultati, come dimostra il no di Sarraj a incontrare ieri il premier Conte a Roma…
La prima questione è che in questi ultimi anni la politica estera italiana in Libia si è focalizzata sulla questione della presunta invasione dei migranti. Questo era l’unico tema che evidentemente ha fatto sì che non fossero poste nel giusto rilievo altre problematiche che coinvolgevano e che continuano a coinvolgere la Libia e il Sahel. L’unico interesse, quasi una ossessione, che muoveva l’Italia e chi la governava era che i libici si tenessero i migranti, a qualunque costo, soprattutto perché quei costi, come è noto, li pagavano i migranti, tra torture, stupri e violenze di tutti i tipi. Cose note, rinote, pubbliche, sotto gli occhi di tutti.

L’Italia è tagliata fuori dalla partita libica?
Per il momento mi pare che, a parte il recente attivismo del ministro Di Maio, che sembra essere la caricatura della shuttle diplomacy tanto cara, ad esempio, a John Kerry (segretario di Stato Usa dal 2013 al 2017 nell’amministrazione Obama, ndr), per il resto il punto più rilevante è stato l’incontro di ieri tra Erdogan e Putin con l’annuncio di una tregua che non si sa perché dovrebbe iniziare solo domenica, cioè tra tre giorni, ammesso che regga. Nel frattempo, domani (oggi per chi legge, ndr) si riuniscono i ministri degli Esteri dell’Unione europea e non si sa bene cosa ne possa uscir fuori.

In polemica con il leader della Lega, Matteo Salvini, Di Maio ha sostenuto che è stato un errore che la politica sulla Libia e il Mediterraneo fosse fatta dal ministro degli Interni, che nel governo Conte I era Salvini…
Peccato che glielo abbiano consentito. E lo stesso Di Maio era vicepresidente del Consiglio, quindi immagino consenziente per non dire connivente.

Questo mondo in fermento è destinato a essere governato da sultani, zar, raìs o tycoon?
È possibile, visto che succede. Ma non per questo è qualcosa di positivo, anzi lo ritengo molto pericoloso.

E in tutto questo, l’Europa?
L’Europa in politica estera, come si sa, sono i 27 Paesi che compongono l’Unione, ognuno con le sue pretese, priorità, interessi che spesso confliggono tra loro. La politica estera non è una competenza europea. E quindi questo ritornello, l’Europa che fa, l’Europa dov’è, sta diventando stucchevole. In questa situazione non sono molte le forze che insistono per una politica estera e di difesa comune.