Due persone, padre e figlio, feriti dai colpi esplosi da un’arma da fuoco durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia nella semifinale di Euro 2020 sulla Spagna. È successo ad Avellino, nella notte, dopo la lotteria dei calci di rigore che hanno visto gli Azzurri avere la meglio sulle “Furie Rosse” dopo l’1 a 1 nei tempi regolamentari. Sul caso indagano i Carabinieri del comando provinciale di Avellino, intervenuti ieri sera con una pattuglia della Guardia di Finanza.

L’episodio si sarebbe verificato intorno all’una. Centinaia di persone, in caroselli di auto e a piedi, stavano festeggiano l’approdo in finale degli Azzurri – la partita domenica prossima, 11 luglio, allo stadio di Wembley a Londra. A questo punto, all’improvviso, qualcuno ha esploso sei colpi di pistola contro una berlina Alfa Romeo grigio metallizzato. Non è ancora stato chiarito se a sparare sia stato qualcuno a piedi in strada o a bordo di un altro veicolo. La vicenda all’altezza dell’incrocio tra via De Concilia, corso Vittorio Emanuele e Viale Italia.

Padre e figlio si trovavano nei pressi dell’auto a festeggiare la vittoria dell’Italia con altre persone. Due proiettili li hanno raggiunti. La folla è andata nel panico. Le persone hanno cominciato a correre, a scappare in ogni direzione. I due feriti sono stati trasportati al Pronto Soccorso dell’Ospedale Moscati di Avellino. Non sono in pericolo di vita. La vicenda è ancora tutta da chiarire. Da chiarire anche e innanzitutto se i colpi siano stati esplosi maldestramente per festeggiare – cosa che pure succede spesso, anche a Capodanno – o se non si sia trattato di un’operazione pianificata, messa in atto approfittando della confusione per le celebrazioni calcistiche.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.