C’è sempre un pezzo di Roma nelle grandi giornate di sport che stanno accompagnando gli italiani in questa estate. Dal trionfale arrivo di Mourinho con carovana al seguito e tifosi in delirio, all’arrivo dell’altro tecnico nella capitale, Maurizio Sarri. Passando ovviamente per Euro 2020 con le prestazioni convincenti, quando sono stati chiamati in causa, di Bryan Cristante, Emerson Palmieri e del laziale Francesco Acerbi che ha convinto tutti quando ha sostituito Chiellini.

Oggi Roma è anche ai quarti di Wimbledon dopo 23 anni. Il Matteo Berrettini liquida come da pronostico il bielorusso  Ivaška con un netto 6-4, 6-3, 6-1 in un’ora e 46′ di gioco, e nel prossimo turno sfiderà il vincente del match tra Auger-Aliassime e Zverev. Matteo Berrettini migliora se stesso a Wimbledon e diventa il terzo italiano di sempre nell’era Open a raggiungere i quarti di finale dello Slam inglese (dopo Adriano Panatta, anche lui romano doc, nel 1979 e Davide Sanguinetti nel 1998). Solo un turno di servizio concesso da Berrettini, peraltro già sopra di due break, che ha chiuso il match con 7 ace, il 52% di prime in campo e appena sei punti persi con la prima. Poi è bravo a reagire nel finale del secondo set a un controbreak subìto. Il terzo è senza storia. Il tennista romano è diventato il secondo italiano a conquistare i quarti di finale in almeno tre Slam (Us Open 2019, Roland Garros 2021 e Wimbledon 2021) dopo un certo Nicola Pietrangeli.

LE CONGRATULAZIONI DI ENRICO MICHETTI

Il candidato sindaco di Roma per il centrodestra Enrico Michetti ha affidato al suo canale Twitter le congratulazioni al tennista capitolino per la conquista della semifinale di Wimbledon: “Un giovane romano porta in alto l’Italia nei quarti di finale a #Wimbledon: daje #Berrettini!”

 

 

 

Gianni Emili