Oltre metà delle Regioni italiane entrano in Zona Gialla. A partire da lunedì 3 gennaio. La pandemia galoppa, la quarta ondata non accenna infatti a decelerare, la variante Omicron continua a incidere sui conteggi quotidiani e i monitoraggi degli istituti sanitari. E quindi saranno 11 su 20 in tutto le Regioni in Zona Gialla, che abbandoneranno quindi la Bianca, quella con maggiore libertà.

L’ultimo bollettino quotidiano dell’emergenza covid in Italia ha riportato 141.262 nuovi contagiati su 1.084.295 tamponi processati, 111 morti. Il tasso di positività è salito al 13% rispetto all’11,8% di ieri. Al momento sono 12.562 i pazienti ricoverati, 152 in più rispetto a ieri, e 1.297 in terapia intensiva, in aumento di 37 unità. Sono 1.021.697 le persone attualmente positive.

Il nuovo decreto permette in Zona Gialla a chi ha il Green Pass Rafforzato, rilasciato a guariti e vaccinati, di svolgere tutte le attività. La nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza ha disposto il passaggio in Zona Gialla di Lombardia, Piemonte, Lazio e Sicilia. Regioni che raggiungeranno dunque Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto, Provincia Autonoma di Bolzano e Provincia Autonoma Trento.

Cambiano di poco o nulla le regole in Zona Gialla. La mascherina all’aperto è obbligatoria non solo al chiuso in tutta Italia. Cancellata la regola del limite di quattro commensali al tavolo di ristoranti e bar. Da esibire tuttavia il Super Green Pass per consumare seduti e anche al bancone, come anche in Zona Bianca.

Almeno tre Regioni, Liguria, Calabria e provincia di Trento rischiano dalla settimana prossima il passaggio in Zona Arancione. In quest’ultima tutte le attività restano aperte ma nei bar e nei ristoranti entrano soltanto i possessori del Green Pass rafforzato. Chi è sprovvisto della Super certificazione non può uscire dal proprio comune di residenza se non per motivi di “lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune”; non può accedere agli impianti di risalita delle piste da sci; non può accedere ai centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.