Sbarcherà a Pozzallo la Ocean Viking, la nave norvegese di una Ong francese che il 18 ottobre ha soccorso in mare, a 50 miglia dalla costa libica, 104 migranti. Lo annuncia in una nota il Viminale che ha autorizzato lo sbarco. “Si è appena conclusa – informa il ministero guidato da Luciana Lamorgese – la procedura di ricollocazione” dei migranti soccorsi “in base al pre-accordo raggiunto nel corso del vertice di Malta. Francia e Germania, in particolare, ne accoglieranno 70”.

Del caso se ne è occupato il Riformista, tornato in edicola oggi, martedì 29 ottobre, con il direttore Piero Sansonetti che ha raccontato la paradossale vicenda della Ocean Viking e dei 104 migranti, tra cui due donne incinta, 41 ragazzini, due neonati, uno di due mesi e uno di undici.

L’ok del Viminale è stato mal digerito dal leader della Lega Matteo Salvini: “Sarebbe un inaccettabile affronto per l’Italia se l’Ocean Viking dovesse sbarcare per l’ennesima volta sempre e solo in Italia. Il Governo tutto sbarchi, tasse e manette ha giù più che raddoppiato gli arrivi di clandestini: basta!”. L’ex ministro dell’Interno rincara la dose: “Ennesima calata di braghe del governo italiano, ennesimo favore a una Ong (stavolta francese, su nave norvegese) che incoraggia gli scafisti a continuare i loro traffici. Dall’inizio del mese a oggi il governo ha fatto registrare 1.854 arrivi di immigrati contro i 1.007 di tutto ottobre 2018, a settembre 2019 ben 2.498 sbarchi contro i 947 di settembre 2018”.

Sulla vicenda in mattinata è intervenuto anche Matteo Renzi, leader di ItaliaViva: “La #OceanViking va fatta sbarcare subito – scrive su Twitter -. Non si tengono le persone in mezzo al mare. Lavoriamo per il progetto Africa e per aiutarli a casa loro, come dico da anni. Ma quando ci sono persone in mare, si devono far sbarcare, punto”.

“Siamo contenti che Italia Viva e Pd si siano svegliati e oggi chiedano la soluzione per la vicenda della Ocean Viking. Peccato che abbiano atteso il risultato, fallimentare, delle elezioni in Umbria: e’ chiaro che non è certo facendo le politiche di Salvini che si batte Salvini”. Lo afferma la vice-segretaria di Più Europa, Costanza Hermanin. “E’ da 11 giorni che 104 naufraghi sono abbandonati a loro stessi in mezzo al mare con le condizioni sanitarie che peggiorano di ora in ora. E’ arrivato il momento di farli scendere. Nonostante l’ipocrisia elettorale e Di Maio che conferma di fatto l’integritaà dei decreti sicurezza – conclude Hermanin. – speriamo che la ritrovata umanità di svariati esponenti della maggioranza, porti a una soluzione”.