Il campionato di serie A non si fermerà più. Il Comitato tecnico scientifico del Governo ha accolto la proposta della Figc garantendo di fatto la fine della massima serie che ripartirà il prossimo 20 giugno e andrà avanti per 12 giornate fino al 2 agosto. In Italia verrà così applicato il modello Bundesliga: in caso di un positivo al coronavirus tra giocatori e staff, non sarà necessario che l’intera squadra in quarantena per due settimane.

Verrà dunque isolato soltanto il tesserato contagiato mentre il resto della squadra verrà sottoposta a tampone rapido. Nel caso in cui tutti siano negativi e per consentire al club in questione di giocare verrebbero fatti ulteriori due test, prima e dopo la partita, per essere sicuri al 100% che non ci siano altri contagiati.

Il campionato potrebbe fermarsi solo nel caso in cui dovesse verificarsi un numero elevato di giocatori positivi all’interno della stessa squadra. In questo caso verrebbe ripresa in considerazione l’ipotesi play-off e play-out (entro il 10 luglio) o quella dell’algoritmo per generale la classifica finale.