Un appello affinché “governi, fondazioni, filantropi e imprese sociali si facciano avanti per produrre e distribuire i vaccini in tutto il mondo gratuitamente“. A promuoverlo il premio Noberl per la pace Muhammad Yunus. A firmarlo 101 tra leader, ex capi di stato e di governo, premi Noberl, artisti, esponenti di Ong e Istituzioni.

“L’unico modo per sradicare definitivamente la pandemia – recita l’appello – è quello di avere un vaccino che può essere somministrato a tutti gli abitanti del pianeta, urbano o rurale, uomini o donne, che vivono in Paesi ricchi o poveri“. L’invito, esteso a tutti, è di “riaffermare la nostra responsabilità collettiva per la protezione di tutte le persone vulnerabili senza alcuna discriminazione”. “La pandemia espone chiaramente i punti di forza e di debolezza del sistema sanitario in diversi Paesi, nonché gli ostacoli e le disuguaglianze di accesso all’assistenza sanitaria. L’efficacia della prossima campagna di vaccinazione dipenderà dalla sua universalità“, si legge ancora nel testo dell’appello.

Tra i firmatari numerosi personaggi celebri: diciotto premi Nobel tra cui Mikhail Gorbachev, Desmond Tutu, Shirin Ebadi, Lech Walesa, Tawakkol Karman e Malala Yousafzai. E poi ex capi di Stato e di Governo come Lula, Romano Prodi, Gordon Brown. Tra gli artisti George Clooney, Matt Damon, Andrea Bocelli, Bono Vox, Sharon Stone e Forest Whitaker.