Chi sono i politici dell’isola delle Rose? Chi sono i personaggi interpretati da grandi attori come Fabrizio Bentivoglio e Luca Zingaretti? L’incredibile Storia dell’isola delle Rose è il film del momento. Prodotto da Groenlandia, diretto da Sidney Sibilia, disponibile sulla piattaforma di straming Netflix. Una vera e propria rivelazione, anche perché ispirato da una storia vera, straordinaria ma sconosciuta al grande pubblico, che ha incuriosito e stupito i telespettatori. La storia di una sedicente micronazione costruita e creata al largo di Rimini alla fine degli anni Sessanta: mentre tutto il mondo protestava per un mondo migliore, un giovane ingegnere bolognese il suo mondo nuovo se lo costruì da solo. Una sorta di piattaforma petrolifera che battezzò così: l’isola delle Rose. Il cast è di spessore, come si accennava, con Elio Germano nel ruolo del protagonista. E poi, tra gli altri, Matilda de Angelis e Andrea Pennacchi.

1968. Il giovane ingegnere Giorgio Rosa decide di costruire oltre le acque territoriali una sua isola. Una piattaforma di circa 400 metri quadrati. Diventa un caso internazionale. La nuova micronazione viene battezzata come “Repubblica Esperantista dell’Isola delle Rose” (“Esperanta Respubliko de la Insulo de la Rozoj”). Viene adottata una lingua ufficiale (l’esperanto), un governo, una bandiera, arancione, di un inno e una valuta (il mill). Numerosi turisti cominciano ad arrivare da tutta Italia e anche dall’estero. Le autorità italiane fecero più o meno di tutto per impedire la creazione di questo Stato. Questa l’inizio della storia romanzata dal film di Sibilia (e che abbiamo ricostruito qui).

I POLITICI – Spiccano, nel film, le interpretazioni di Luca Zingaretti e Fabrizio Bentivoglio. È come se la linea comica della storia sia proprio nelle mani del Consiglio dei ministri. Ma chi sono i politici interpretati dai due attori? Luca Zingaretti è Giovanni Leone, il presidente del Consiglio, in carica dal giugno al dicembre del 1968. Napoletano, avvocato, giurista e accademico italiano. Era stato Presidente del Consiglio già nel 1963, sempre da giugno a dicembre. Soprattutto, divenne Presidente della Repubblica nel 1971 e fino al 1978. Restarono nella storia le sue dimissioni in anticipo di sei mesi rispetto alla naturale scadenza del mandato per via dello scandalo Lockheed, esploso nel 1976. Un polverone mediatico del quale 20 anni dopo fu verificata l’insussistenza di ogni accusa ai danni di Leone.

Esilarante la prestazione di Bentivoglio nei panni di Franco Restivo, all’epoca dei fatti dell’isola delle Rose ministro dell’Interno. Rimase in carica dal 1968 al 1972, quindi anche con i governi Rumor e Colombo. Nato a Palermo, figlio del giurista e deputato Empedocle Restivo, docente di Diritto Costituzionale e Diritto Pubblico. Per tutta la vita fedele alla Democrazia Cristiana. Fu anche deputato, deputato dell’Assemblea Costituente, Presidente della Regione Siciliana, ministro dell’Agricoltura e ministro della Difesa.

Luca Della Bianca interpreta invece Francesco Cossiga, all’epoca dei fatti ministro della Difesa. Personaggio tuttavia di minor risalto nel film. Compare anche Giuseppe Saragat, Presidente della Repubblica, nella scena del passaggio della campanella, avvenuto a dicembre 1968 tra Leone e Mariano Rumor. Personaggi inventati sono invece i politici che compaiono al Consiglio d’Europa.

Antonio Lamorte