Numerose persone sarebbe morte in mare, tra Malta e Tripoli, in seguito all’affondamento di un gommone. A denunciarlo è l’Ong Sea Watch, che in un tweet spiega come “250 persone erano alla deriva da ieri su 4 gommoni”, tutti con un alto numero di ‘ospito’ a bordo, tra le  47 e 85 persone per ogni imbarcazione di fortuna. Uno di questi gommoni si è ribaltato in mare aperto, in quella che appare come una ‘strage di Pasqua’.

I quattro barconi erano stati segnalati ieri a Sea Watch da Alarm Phone, il servizio telefonico per i migranti in difficoltà. A bordo c’erano rispettivamente 72, 47, 55 e 85 persone.

La stessa Ong aveva chiesto l’intervento delle autorità europee, ma l’unica risposta è arrivata laconicamente da Frontex, che ha segnalato i  barconi in mare, di cui uno capovolto.

“Lasciati morire soli nel giorno di Pasqua da un’Europa che parla a vuoto di solidarietà verso le persone che soffrono”, ha denunciato la Ong su Twitter.