Aveva messo a segno tre colpi in poco meno di un mese, travestito da vigilante, nei quartieri Magliana, Marconi e Testaccio. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur e quelli della Stazione Roma Villa Bonelli hanno ora dato un volto al rapinatore: è un 47enne romano residente a Fiumicino. L’uomo è stato rintracciato e arrestato. 

LE INDAGINI E L’ARRESTO

Le indagini serrate dei Carabinieri, dirette dal Pubblico Ministero del pool della Procura di Roma coordinato dal Procuratore Aggiunto, Dr.ssa Lucia Lotti, sono iniziate dopo tre rapine a mano armata svolte secondo lo stesso modus operandi: la prima lo scorso 30 Aprile in una banca in via Oderisi da Gubbio; la seconda il 6 Maggio in una banca in via della Magliana e l’ultima, il 18 Maggio, in una di via Mastro Giorgio. Il rapinatore, entrato negli istituti bancari vestito da vigilante con tuta operativa, giubbotto multitasche, tesserino e placca ovviamente falsa, si era fatto consegnare il denaro contante custodito presso gli sportelli in quel momento sotto minaccia di una pistola, per un totale di circa 10.000 euro.

I Carabinieri sono riusciti a raccogliere gravi indizi di colpevolezza a suo carico grazie all’analisi scrupolosa delle immagini sia della videosorveglianza delle banche, che delle vie di fuga. Individuato inoltre il “covo” del malvivente, una camera di albergo a Fiumicino. Qui è scattato il blitz che ha portato all’arresto del 47enne e al sequestro della pistola, una scacciacani senza tappo rosso simulante una pistola Beretta 92, insieme al “kit da vigilante”, utilizzati per le rapine.

 

Mariangela Celiberti